Varese News

Da Gallarate ad Alcatraz, per fuggire a nuoto verso San Francisco

Massimiliano Ferrario, degli "Hic Sunt Leones", parteciperà il 24 agosto alla traversata tra la famosa isola penitenziario e la città californiana. «Amo il nuoto, è una sfida per me»

massimiliano ferrario nuoto in acque libere

Fuga da Alcatraz. A nuoto. Ma senza il pericolo di essere rincorso dalle lance della polizia, anzi, con la possibilità di essere applaudito dalla gente nel momento in cui rimetterà piede a terra, all’Acquatic Park Bleachers di San Francisco, la città più vicina alla storica isola che un tempo “accoglieva” nel suo carcere alcuni dei più pericolosi criminali d’America.

L’isola di Alcatraz sarà teatro il prossimo 24 agosto di una traversata a nuoto a cui parteciperà un unico atleta italiano (salvo iscrizioni dell’ultima ora): si tratta di Massimiliano Ferrario, 45enne di Gallarate e grande appassionato di nuoto di fondo. Tesserato per la “Cilo Master Team” di Milano e membro del club varesino degli “Hic Sunt Leones”, Massimiliano ha al proprio attivo numerose traversate su lunga distanza (Lago d’Orta, Lago Maggiore, Monteisola Lago d’Iseo, Stretto di Messina, Naviglio di Milano, Swimtheisland Bergeggi) e si è cimentato anche nel nuoto in acque gelide. Una specialità, quest’ultima, che lo accomuna ad Alberto Salvi (i due sono amici), il nuotatore di Jerago con Orago che sabato scorso ha sfiorato l’impresa di attraversare il Lago Maggiore da Nord a Sud.

La traversata tra Alcatraz e San Francisco misura 1,25 miglia, quindi circa 2.400 metri: poco rispetto ad altre prove simili già portate a termine da Ferrario, ma con l’insidia portata dalle forti correnti fredde che si registrano nella Baia, con la temperatura dell’acqua che può attestarsi anche intorno ai 15° centigradi nonostante l’estate. Anche perché in agosto la città californiana non è poi così calda come ci si aspetterebbe. Non dovrebbero, invece, esserci gli squali anche se è necessaria cautela anche su questo fronte affilato.

massimiliano ferrario nuoto in acque libere

«Come mi è venuto in mente di partecipare a questa traversata? – spiega Ferrario – Perché amo nuotare, mi piacciono le bracciate in acque libere e una sfida come questa è nelle mie corde». L’atleta gallaratese sarà così uno dei 350 partecipanti alla “Swim with the centurions”: i record di percorrenza appartengono attualmente ad Allen Chang che nel 2017 ha portato a termine la fatica in 21’30”, e a Claire Therien, 23’21” nel 2014 per il primato femminile.

di damiano.franzetti@varesenews.it
Pubblicato il 09 Agosto 2019
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore