Alla primaria De Amicis la prima campanella con qualche novità

Inizio dell'anno scolastico all'insegna della novità per l'Istituto Comprensivo De Amicis di Gallarate, tra ambienti rinnovati grazie al volontariato e nuove "mosse" a favore dell'ambiente

Primo giorno di scuola 2019

Suona la campanella del primo giorno di scuola a Gallarate e gli allievi della scuola primaria dell’Istituto De Amicis di Cedrate trovano, ad accoglierli, un ambiente un po’ diverso da come lo avevano lasciato a giugno, con l’estate alle porte.

Le pareti fresche di vernice e dai colori  vivaci accompagnano i piccoli studenti fino alle loro classi, tutte riverniciate di bianco: «Tutto questo è opera di un gruppo di genitori che, desiderosi di dare ai propri figli un ambiente bello e “rinnovato” dove studiare e divertirsi», racconta la dirigente dell’Istituto Barbara Pellegatta. «I genitori si sono fatti consigliare da un imbianchino e poi nel mese di agosto hanno provveduto a ridipingere tutte le pareti della nostra scuola», spiegano la preside e le insegnanti, «tutte di colore diverso come i nostri bambini, che non portano il grembiule».

Invece, l’altra scuola primaria del De Amicis, situata a Sciarè, ha avuto una novità “anti-smog”: via Somalia, infatti, è diventata una zona a traffico limitato nell’orario di entrata ed uscita (dalle 8.00 alle 8.30 e dalle 16.00 alle 16.30 – esclusi i residenti e macchine con il contrassegno per disabili). Il tutto grazie ai genitori anti-smog, che, dopo un anno e mezzo di lotta, hanno finalmente ottenuto un ambiente più sano e sicuro per i loro bambini. Si tratta, infatti, di un provvedimento cautelare per una una scuola principalmente frequentata dai residenti di Sciarè, che la raggiungono spesso a piedi: aria più respirabile, più sicurezza senza il pericolo di incidenti con veicoli, ma soprattutto più autonomia accompagnata alla mobilità sostenibile, sicuramente da incentivare sempre di più.

Oltre ai colori nuovi della scuola primaria “Silvio Pellico”, ci sono altre novità, questa volta a carico dell’amministrazione comunale di Gallarate: i bagni al secondo piano sono stati ristrutturati, insieme alle infrastrutture. Presente il sindaco Andrea Cassani, che nel corso della mattinata è stato al liceo classico e scientifico “Leonardo Da Vinci – Giovanni Pascoli” ed alla scuola secondaria di primo grado “Luigi Majno”, per ispezionare la nuova scuola ed accogliere – insieme a Pellegatta e alle maestre – i nuovi iscritti alle classi prime: «Ben arrivati ai nuovi studenti che oggi iniziano il loro percorso scolastico, siete i primi ad entrare in una scuola completamente rinnovata, frutto di una collaborazione tra genitori e scuola di cui vado molto orgogliosa» (qui, sul sito della scuola, il saluto completo della dirigente ai nuovi alunni). La preside, poi, ha rassicurato alcuni dei nuovi alunni che residenti del quartiere di Sciarè ma iscritti a Cedrate a causa del sovrannumero di richieste che non potevano essere soddisfatte (a Sciarè, infatti, è stata attivata una sezione di prima elementare con ventisei bambini, mentre a Cedrate le nuove classi prime sono due): «Come vi avevo promesso avete pronta, qui davanti a voi, una squadra di ottime maestre collaudata e pronta ad iniziare questo percorso con voi, in una scuola quasi nuova».

Primo giorno di scuola 2019

«Buongiorno a tutti! Oggi sono qui nella scuola di Cedrate per ringraziare i genitori che da agosto a settembre hanno reso questa scuola colorata e bellissima. Come amministrazione, pur nelle ristrettezze economiche, abbiamo provveduto a dare ai bambini un posto decoroso dove studiare. Impegnatevi, ragazzi, e divertitevi perché questi anni ve li ricorderete per sempre. Buona scuola a tutti», il sindaco ha salutato così i bambini, lasciandoli nelle mani delle nuove maestre per cominciare finalmente il loro percorso scolastico in un luogo così bello da suscitare l’invidia degli ex alunni.

di nicole.erbetti@gmail.com
Pubblicato il 12 Settembre 2019
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore