Mensa dei Poveri, il Comune di Gallarate valuterà di costituirsi parte civile

In ballo i danni d'immagine alla città, ma anche i 280mila euro spesi per la Variante al Pgt che è risultata inquinata dal "gruppo Caianiello" ed è stata ritirata

Caianiello Bilardo Pedroni

Il Comune di Gallarate si costituirà parte civile nei procedimenti degli indagati per la inchiesta Mensa dei Poveri.

Il provvedimento è stato votato oggi dalla giunta, presieduta dal sindaco Andrea Cassani.

O meglio: come sottolineato nella delibera, si procede a dare incarico ad un legale (all’avvocato Riccardo Piga) per valutare “l’esistenza dei presupposti della costituzione di parte civile”nei procedimenti penali che andranno ad instaurarsi, come parte civile, l’ente Comune di Gallarate, per “recuperare quanto indebitamente spesononché farsi risarcire il danno d’immagine”cagionato da un’inchiesta che ha portato il nome della città alla ribalta almeno a livello regionale.

Tra gli elementi più concreti in balloc’è la spesa di 280mila euro per la Variante al Pgt, arrivata a inizio 2019 al primo passaggio in consiglio e risultata tanto inquinata che già a giugno è stata ritirata formalmente (vedi qui). Già nelle settimane successive all’inchiesta, nel primo consiglio comunale, il sindaco Andrea Cassani aveva annunciato l’intenzione di chiedere i dannial “gruppo Caianiello”, di cui faceva parte anche l’es assessore all’urbanisticaAlessandro Petrone(che va verso il patteggiamento). Formalmente, la delibera fa riferimento a procedimenti che coinvolgono “soggetti che operano o hanno operato all’interno del Comune di Gallaraterelativamente alla pianificazione territoriale”, quale risulta essere proprio Petrone (ma ci sono altri indagati coinvolti nel “capitolo urbanistica”).

Nelle settimane scorse era stata avviata anche una petizione – proposta dall’avvocato Pietro Romano– per chiedere formalmente all’amministrazione di costituirsi parte civile.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 16 Ottobre 2019
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore