Tra la Uyba e la finale di Coppa c’è di mezzo Carlo Parisi

Le Farfalle giocano in casa le Final Four: semifinale sabato 1 febbraio alle 20,30 contro la Monza dell'ex coach biancorosso, di Meijners e Ortolani. Gennari: «Fondamentale il calore dei tifosi»

Mimmo Fusco 2020

Se Conegliano è la squadra favorita, Busto è senza dubbio la più attesa tra le quattro che partecipano alle Final Four di Coppa Italia. Il motivo è evidente: la Unet E-Work di coach Lavarini non solo si trova in un ottimo momento di forma ma può anche sfruttare la spinta del PalaYamamay, impianto scelto per ospitare le tre partite che assegnano la “coccarda” tricolore.

Vietato però pensare che le Farfalle abbiano la strada spianata: già detto che l’Imoco parte con il miglior ranking (in semifinale sfiderà Scandicci alle 18), bisogna sottolineare che anche la semifinale di sabato sera alle 20,30 nasconde parecchie insidie per il sestetto biancorosso. Ad ostacolare Herbots e compagne ci sarà infatti il Saugella Monza, appena rilevato da coach Carlo Parisi, l’uomo che per primo ha cucito una coccarda sulle maglie di Busto Arsizio.

Le brianzole hanno fatto il colpaccio nei quarti, silurando la Igor Gorgonzola Novara e si presentano in viale Gabardi senza nulla da perdere e con il ruolo dell’outsider di lusso, grazie a giocatrici del calibro di Ortolani e Meijners – altre due ex di peso – e ancora Skorupa, Orthmann, Parrocchiale e via discorrendo.

Ha poco senso, oggi, guardare al precedente stagionale, il 3-1 rifilato dalle Farfalle al Saugella nel mese di dicembre: se infatti Busto è stata costante nel proprio, interessante, cammino, Monza ha dovuto affrontare qualche alto e basso ma con l’arrivo di Parisi ha trovato la già citata “perla” della vittoria esterna a Novara. L’inserimento dell’americana Plummer, 2,01 di altezza, non fa che arricchire un’avversaria da prendere con le molle come ha detto anche capitan Gennari in municipio a Busto, in occasione della presentazione delle Finali: «Per arrivare a questo appuntamento abbiamo pensato partita per partita, ma ora che si avvicina la Final Four iniziamo pian piano a renderci conto di cosa ci attende. Giocare qui a Busto è un onore e una responsabilità, perché in partite secche non si sa mai cosa può accadere: il calore dei nostri tifosi sarà fondamentale».

 

Unet E-Work Busto Arsizio – Saugella Monza

Busto Arsizio: 1 Washington, 3 Bici, 4 Herbots, 5 Wang, 6 Gennari, 7 Cumino, 8 Orro, 9 Leonardi (L), 10 Villani, 11 Lowe, 12 Piccinini, 13 Bonifacio, 15 Berti. All. Lavarini.
Monza: 1 Ortolani, 2 Mariana Andrade Costa, 4 Squarcini, 5 Heyrman, 7 Di Iulio, 8 Skorupa, 11 Danesi, 12 Orthmann, 14 Meijners, 16 Obossa, 17 Bonvicini (L2), 20 Parrocchiale (L), 22 Plummer. All. Parisi.

Busto accoglie il grande volley femminile: “Palayamamay, un salotto affascinante”

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 31 Gennaio 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore