Varese News

“Basta polemiche, Comune di Gallarate ora si attivi per l’emergenza alimentare”

Dopo le polemiche social del sindaco, la lista +Gallarate chiede di muoversi subito per capire come usare i fondi stanziati dal governo per gli indigenti

Arnate generiche

Riceviamo e pubblichiamo la nota della lista civica Più Gallarate

 

Nel pieno dell’emergenza, sanitaria ed economica, c’è chi trova il tempo per fare inutili e strumentali polemiche.
Le risorse stanziate dal Governo con il recente DPCM – 4,3 miliardi a valere sul fondo di solidarietà dei Comuni e altri 400 milioni destinati esclusivamente per l’emergenza alimentare – hanno scatenato la protesta di alcuni politici e amministratori, che si sono prodigati nel preparare tabelle e slogan prima ancora di pensare a come utilizzare queste risorse.

A guidare questo vergognoso teatrino dominato dalla propaganda politica, nel varesotto è stato, purtroppo, il nostro sindaco Andrea Cassani, con un intervento corredato da un’immagine che voleva mostrare la disparità ditrattamento economico fra le città di Gallarate, Ercolano e Acireale. Dati innanzitutto privi di senso (la media pro capite deve essere necessariamente paragonata al numero di famiglie in stato di bisogno) e, soprattutto, che non danno alcuna risposta ai gallaratesi: “Ci auguriamo che, dopo aver realizzato quell’infografica pubblicata sui social, il sindaco abbia trovato il tempo per iniziare subito a lavorare coi Servizi Sociali per definire i criteri con cui saranno assegnati i contributi” è l’auspicio di Giulio del Balzo, tra i fondatori della lista civica +Gallarate.

Con le risorse stanziate infatti, tante o poche che siano, si possono garantire buoni spesa di qualche centinaio di euro per ogni famiglia in difficoltà, ma è l’ufficio Servizi Sociali di ogni Comune (ci sono già diversi casi di Comuni che si sono attivati, dandone comunicazione ai cittadini) a dover identificare la platea dei beneficiari. Per questo serve agire in fretta: “Chiediamo al sindaco che entro fine settimana comunichi in modo chiaro a tutti i cittadini come saranno impiegati quei 282.780 euro, quante famiglie saranno aiutate e in che modo. Questo non è il momento delle polemiche: è il momento di dare risposte ai cittadini colpiti da una crisi epocale”.

(Un’informazione per chi ama i dati: ad Acireale 6 giovani su 10 sono senza lavoro, ad Ercolano 7 su 10. Ci auguriamo che Gallarate non arrivi mai a toccare certe cifre)

Gli attivisti di +Gallarate

Fondata da un gruppo di giovani nel giugno 2019, +Gallarate è una lista civica nata per dare un nuovo slancio alla città, con l’obiettivo di rendere Gallarate una città più sostenibile, più partecipata, più europea e più inclusiva

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 31 Marzo 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore