Varese News

Due medici di base di Busto Arsizio positivi al Coronavirus

La notizia è circolata in maniera incontrollata sui social. Il centro medico spiega: "I pazienti che hanno frequentato lo studio non sono a rischio, per quelli visitati dai medici valuterà eventualmente ATS"

medico

Due medici dello Studio di Medicina Generale di Viale Cadorna 31/A sono risultati positivi al Coronavirus. La notizia si è diffusa nel corso della giornata di domenica con un messaggio che è passato di chat in chat sul telefono di tantissimi bustocchi per invitare tutte le persone che erano state a contatto con quel centro a porsi in quarantena. Una notizia inesatta che nel corso della serata è stata precisata dallo stesso centro.

“La notizia che è circolata in forma anonima riguardo lo studio è inesatta e sta provocando allarme ingiustificato -si legge in una nota-. In particolare due colleghi sono stati effettivamente ricoverati nel fine settimana, ma i pazienti che hanno frequentato lo studio non sono stati esposti ad alcun rischio aggiuntivo ne’ candidati a misure di quarantena. In particolare, quanti hanno frequentato lo studio solo per la richiesta od il ritiro di certificati e prescrizioni non sono chiamati ad ottemperare ad alcun provvedimento come quarantena, isolamento o tampone, soprattutto alla luce dell’adeguatezza dei metodi di distribuzione dei documenti medesimi, messa in atto con dispositivi di protezione adottati dal personale di studio”.

Situazione diversa si potrebbe verificare invece per i pazienti che sono entrati in contatto con i due dottori ma, in quel caso, la comunicazione arriverà dall’ATS e non da un messaggio di whatsapp. Provvedimenti che al momento non sono stati presi e che, spiega ancora il centro, “potrebbero valere solo nei confronti del personale di Studio e nei confronti dei pazienti che sono entrati in contatto con i due colleghi”. 

Sulla base di questo il centro medico annuncia anche che “ci riserviamo di rintracciare gli autori per perseguirli nei termini di Legge per i reati di violazione della privacy e turbativa dell’ordine pubblico”.

Nei messaggi circolati sui social venivano indicati anche i nomi dei medici in questione, proprio per questo il sindaco Emanuele Antonelli invita tutti alla calma: «Come Sindaco non posso far altro che invitare tutti i cittadini ad usare i social in maniera corretta e rispettosa delle persone e delle leggi. Invito tutti al senso di responsabilità e in particolare ad evitare di diffondere notizie che non fanno altro che creare panico tra la gente oltreche’ arrecare ulteriore sofferenza alle famiglie coinvolte a cui intendo esprimere tutta la mia vicinanza».

Coronavirus: tutti gli aggiornamenti in diretta

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 09 Marzo 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore