Il Prefetto di Varese Ricci: “Il messaggio sta passando”

Tutte le indicazioni sul sistema dei controlli sul territorio. Non ci saranno veri e propri posti di blocco, ma tante forze in campo. "La popolazione sta rispondendo positivamente"

gallarate generico

“Abbiamo appena fatto una riunione in video conferenza con tutte le forze dell’ordine e i soggetti impegnati nei controlli. A breve invieremo un report al Ministro con tutti i dati. Posso anticipare però che i cittadini e le aziende stanno rispondendo con attenzione e i casi negativi per quanto riguarda i pubblici esercizi si contano sulle dita di una mano”.

Il Prefetto Enrico Ricci sta coordinando tutte le attività di controllo come predisposto dal decreto della Presidenza del Consiglio. In questo momento è ancora più importante diffondere solo notizie provenienti dalle istituzioni preposte perché servono messaggi chiari e precisi.

LE STRADE, LE STAZIONI E L’AEROPORTO

“Non abbiamo istituito veri e propri posti di blocco, ma siamo presenti nelle uscite autostradali, negli autogrill, sulle principali arterie come la statale 336 e altre. Siamo poi nelle stazioni e con la Polaria a Malpensa per i controlli sia in arrivo che in partenza”

LE FRONTIERE

“Una particolare attenzione la stiamo mettendo nei valichi di frontiera. Anche lì, per chi entra e non ha motivi di lavoro stabili, si fa compilare una autocertificazione, che ricordiamo deve sempre riportare dati veri”.

BAR E RISTORANTI

“Abbiamo affidato alle polizie locali il compito di controllare i pubblici esercizi. Per ora abbiamo riscontrato pochissime violazioni che possiamo contare sulle dita di una mano e anche meno. Ricordo che oltre alle sanzioni penali che prevedono la possibilità di arresto fino a tre mesi e un’ammenda economica, per le attività economiche c’è il rischio della sospensione della licenza da 5 a 30 giorni”.

COME STA ANDANDO

“Al di là del numero dei controlli, che sono comunque estesi, la sensazione è che la mobilità si è ridotta moltissimo” (foto: la centralissima piazza Garibaldi alle 21.45 di martedì sera: di solito è completamente occupata da auto in sosta).
“C’è una sostanziale risposta positiva della popolazione che ci fa dire che il messaggio di stare a casa sta passando. Dalla Prefettura siamo in contatto continuo con tutti i sindaci e non si riscontrano gravi problemi nel rispetto delle norme. Proseguiamo però nel ribadire che dobbiamo seguire con scrupolo tutte le indicazioni delle autorità perché la situazione è grave”.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 11 Marzo 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore