La Regione ha “adottato” i video tutorial realizzati da Uisp

Ecco dove trovarli - Il numero di emergenza di Uisp Varese - Forum disuguaglianze e diversità: "Nessuno resti indietro per il virus"

notiziario uisp varese

UISP VARESE – Notiziario del 18 marzo 2020

MILANO –  La Regione Lombardia adotta i video tutorial Uisp

Fantasia, passione e competenza sono alla base dei video tutorial che Uisp nazionale sta raccogliendo dagli operatori sportivi e dai Comitati territoriali, con l’obiettivo di far rimanere in forma le persone di tutte le età, con particolar riferimento agli anziani.
“La palestra è la nostra casa”: è questo lo slogan contenitore lanciato dalla Unione Italiana Sport per Tutti per provare, tutti insieme, a far fronte all’emergenza del coronavirus. La novità di queste ore è che Regione Lombardia ha deciso di adottare i video tutorial realizzati dai vari comitati Uisp e li sta diffondendo attraverso il suo sito web istituzionale (QUI). I video sono realizzati dagli istruttori della Polisportiva Uisp Garegnano di Uisp Milano e nel sito della Regione Lombardia sono divisi in categorie: video turorial master, ginnastica finalizzata alla salute e fitness.
“L’obiettivo – si legge nel sito internet Promozione della Salute-Regione Lombardia – è dare massima diffusione a queste risorse (di natura “pratica” e non comunicativa) affinché arrivino al maggior numero di persone a casa”.

VARESE – Aderiamo ad #iorestoacasa: insieme per farcela

Uisp Varese aderisce a #iorestoacasa e invita tutti a fare altrettanto. Per urgenze potete chiamare il: 338-6528319
Invitiamo le nostre asd e tutti i soci a seguire le disposizioni ufficiali fino a quando sarà necessario: come nei nostri valori Uisp, saranno la collaborazione e il fair play collettivo a farci superare il prima possibile questo periodo difficilissimo. Stiamo a casa, anche senza uscire è possibile tenersi in esercizio, seguiamo i canali Uisp per avere suggerimenti e idee per continuare a stare bene.

FORUM DISUGUAGLIANZE DIVERSITÀ – Nessuno resti indietro per colpa del coronavirus

Il Forum Disuguaglianze Diversità, di cui Uisp fa parte, propone uno schema per il contenimento degli effetti sociali ed economici della crisi, sviluppato in collaborazione con Cristiano Gori, docente di politica sociale all’Università di Trento,  per valutare e completare le proposte di contenimento degli effetti sociali ed economici della crisi all’attenzione del Parlamento e del paese.
«Questa crisi non deve creare nuove disuguaglianze e far crescere rabbia e risentimento nelle persone, deve accrescere non ridurre la coesione sociale – si legge in una nota emanata dal Forum – bisogna tutelare ogni persona a rischio, sia i garantiti, sia gli esclusi. Questo significa fare cose diverse: salvaguardare i posti di lavoro, ogni volta che sia possibile; assistere chi perde l’occupazione; attenuare gli effetti che derivano dal temporaneo cambio di vita. Agire solo a tutela di alcune categorie d’individui, magari di quelli che hanno una voce più forte, sarebbe profondamente errato e ingiusto.
Compiamo uno sforzo collettivo affinché tutte le categorie, del lavoro e del non-lavoro, siano raggiunte. Per tutte è possibile procedere partendo dall’impianto, dall’infrastruttura organizzativa e pratica, di misure esistenti, e comunque con procedure di assoluta semplicità e automaticità, ma anche in grado di tutelare la dignità delle persone.
In tanta preoccupazione e cupezza, questo atto rappresenterebbe una rottura positiva, in linea con l’orgoglio che il paese sta mostrando per la scelta compiuta di mettere la salute al primo posto. Sarebbe un segnale che lo stesso Stato che ti “chiude in casa” è davvero consapevole delle conseguenze che ne derivano per la tua vita ed è attrezzato ad aiutarti ad affrontarle. Chiunque tu sia».

SPECIALE UISP – Tutti gli articoli di VareseNews in collaborazione con UISP Varese

di
Pubblicato il 18 Marzo 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore