Crollo dei passeggeri sugli autobus Stie: “Serve un aiuto dallo Stato”

Fioccano le richeste di rimborso per gli abbonamenti degli studenti ma la società non è in grado di rimborsare, per ora. Crollo tra l'80 e il 98% dell'utenza negli ultimi tre mesi

Per ora sono poche decine ma potrebbero diventare centinaia, o addirittura migliaia, le richieste di rimborso degli abbonamenti ai servizi di trasporto per gli studenti che, a partire dalla fine di febbraio, non hanno più fatto ritorno a scuola a causa della chiusura imposta dall’emergenza covid-19. Richieste che arrivano in un momento difficilissimo per le aziende di trasporto che assicurano i collegamenti su gomma e tra questi c’è anche Stie, uno dei principali operatori del settore nel Basso Varesotto e nella Città Metropolitana di Milano.

Una lettrice di Varesenews che ci chiedeva dove si potevano trovare informazioni sui rimborsi degli abbonamenti per studenti di Stie e la risposta ce la fornisce il direttore d’esercizio della società di trasporto pubblico locale, Vezio Guidobono che allarga le braccia e disegna una situazione ad un passo dal dramma in un contesto in cui, a causa del lockdown dovuto alla pandemia da Coronavirus, gli autobus si sono completamente svuotati di passeggeri: «Nonostante abbiamo avuto un calo medio del numero di passeggeri che va dall’80% di marzo e metà mese di maggio al 98% di aprile – spiega Guidobono – abbiamo dovuto garantire, comunque, tutte le corse, comprese una parte delle linee che venivano utilizzate dagli studenti. Al momento non c’è una linea di intesa sui rimborsi tra i vari operatori del settore in Lombardia che fanno parte dell’Anav e di Assolombarda perchè riteniamo debbano essere gli enti pubblici per i quali lavoriamo a rifondere gli abbonamenti non utilizzati».

In realtà gli stessi comuni hanno iniziato a mettere le mani avanti in alcuni casi: «Alcune amministrazioni ci stanno già comunicando l’intenzione di rinegoziare i contributi concordati, sostenendo che noi abbiamo diminuito le corse e questo rischia di tagliarci le gomme».

Le nuove regole di Regione Lombardia per i mezzi pubblici hanno ridotto i posti a sedere sugli autobus del 60% mentre i posti in piedi sono diventati 1/6: «In questo momento nessuno si fida ad usare i mezzi pubblici per spostarsi. La linea più frequentata in questo momento è quella tra Rho e Milano che conta una media di 12 passeggeri in tutto. A tutto questo si aggiunge il fatto che la società sta ancora smaltendo le ferie arretrate dei dipendenti e quindi non è ancora stato possibile chiedere la cassa integrazione. Se lo Stato non ci aiuta sarà difficile rialzarsi».

La situazione descritta dal direttore d’esercizio di Stie, dunque, è molto complicata e le richieste di rimborso degli abbonamenti per il servizio scuole rischierebbero di accelerare una crisi che è già profonda e difficile da governare.

di orlando.mastrillo@varesenews.it
Pubblicato il 19 Maggio 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore