Mi auguro di cuore di non sentir più certe parole. Fanno male all’anima

Il racconto di Samantha che riflette sulla figura degli anziani

anziani

Raccontaci il tuo vissuto nelle giornate della pandemia. Puoi farlo qui
Finora abbiamo pubblicato diversi contributi di tante persone.

Di seguito il contributo di Samantha.

È una semplice influenza, colpisce solo gli anziani. Una cosa che non ho mai potuto sentire. Certo. Perché gli anziani possono morire soffocati, perché gli anziani possono morire soli, senza un caro che gli tenga la mano…gli anziani.

Che però non lo erano per scarrozzare i nostri figli a scuola, a portarli alle loro attività, a fargli trovare un pasto caldo dopo la scuola.

Frasi del tipo: aveva patologie pregresse. Che però non li avrebbe uccisi!

Ma io, che i genitori non li ho più per altri motivi, mi sarei arrabbiata non poco nel veder morire un genitore per una semplice influenza.

Mi auguro di cuore di non sentir più certe parole. Fanno male all’anima.

Samantha Nebuloni, Solbiate Olona

SCRIVICI LE TUE MEMORIE, LE TUE EMOZIONI, I TUOI PENSIERI IN QUESTO PERIODO DI CRISI

di
Pubblicato il 29 Maggio 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore