Incontro al Ministero, “ci sarà una proroga per le osservazioni al Masterplan Malpensa”

Il deputato M5S Niccolà Invidia ha messo intorno a un tavolo i tecnici del Ministero dell'Ambiente e i comitati del territorio di Malpensa. E ora garantisce sul fatto che c'è ancora tempo per presentare osservazioni

niccolò invidia m5s

«Dalla giornata di ieri è emerso che ci sarà una proroga dei termini per consentire tutte e osservazioni del caso, come è doveroso che sia, a cui seguirà la valutazione – autonoma e indipendente -del Ministero».

Il deputato del Movimento 5 Stelle Niccolò Invidia rassicura il territorio, sul tema delle osservazioni al Masterplan di Malpensa: Comuni, associazioni e privati cittadini si sono mossi nel corso dell’estate per arrivare alla scadenza comunicata del 5 settembre. Un termine – emerge ora – che non è perentorio, come sembrava a seguito di «una comunicazione non precisa tra Enac e Ministero dell’Ambiente» precisa Invidia, che pure sottolinea che «non si è trattato di un errore del ministero».

La parola definitiva sulla querelle è arrivata nel corso del tavolo tecnico che Invidia ha organizzato per consentire un confronto tra amministratori e comitati da un lato e tecnici del Ministero dall’altro. Un incontro «a cui lavoravo da tempo, non è stata una risposta a uscite un po’ speculative di altri colleghi dell’opposizione».

Il riferimento è ai deputati eletti dal centrodestra nelle circoscrizioni uninominali sul territorio – i leghisti Tarantino e Bianchi – che avevano criticato il governo per il termine troppo ravvicinato, chiedendo il rinvio della scadenza.

Al di là di una parola ufficiale – garantita dal parlamentare M5S – sui termini, nell’incontro i rappresentanti delle realtà locali «hanno manifestato preoccupazione per le conseguenze ambientali del nuovo piano di espansione, che raddoppierebbe le funzionalità dell’aeroporto e che solo dieci anni prima era stato sommerso da osservazioni negative da parte dei territori lombardi e piemontesi, degli Enti, delle Associazioni e i privati cittadini ad eccezione di Regione Lombardia» (anche se, va notato, si trattava di un piano diverso, non fosse altro perché comprendeva la terza pista).

«È stato sicuramente un momento importante – commenta Niccolò Invidia, deputato M5S – soprattutto a seguito della tensione delle scorse settimane che ha permesso di dar voce ai rappresentanti dei territori interessati dal progetto del Masterplan 2035 di avere congrue risposte dal Ministero sull’iter che verrà utilizzato per la proroga e per la VIA. È doveroso valutare con opportuna dovizia tutti gli aspetti, ora attendiamo una risposta dal Ministero».

di roberto.morandi@varesenews.it
Pubblicato il 10 Settembre 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore