Varese News

Mascherine e commozione per la ripresa del Cineforum delle Arti

Le mascherine e i posti dimezzati per ovvie ragioni di prevenzione, la commozione nel ricordo di don Alberto: un piccolo segno di speranza la ripresa dello storico appuntamento della cultura d'autunno

gallarate generico

C’era un po’ di commozione, alla ripresa del cineforum delle Arti a Gallarate. Per il pensiero rivolto a don Alberto Dell’Orto, scomparso lo scorso agosto, ma anche per la ripresa coraggiosa di un momento di cultura, d’incontro, di riflessione, a cui tanti della zona del Gallaratese sono affezionati.

Alle 21 c’era ancora una lunga coda, ben disciplinata, fuori dal teatro. All’interno i posti sono dimezzati (le sedute ribaltabili sono persino legate con corde) e il pubblico ben distribuito: ci si saluta a distanza, non si può far chiacchiere a capannelli, il piccolo cenacolo del cineforum si reinventa un po’.

Prima dell’introduzione al film ha portato un saluto monsignor Riccardo Festa, come parroco della parrocchia al cui interno è cresciuta l’esperienza del teatro: «Don Alberto ha lasciato un bel gruppo affiatato di volontari e ha formato anche un bel pubblico, basta vedere questa sera quanta gente è qui per vedere e riflettere su un film impegnativo».
Nel film “La vita nascosta – The Hidden Life” Terrence Malick racconta un coraggioso obiettore di coscienza che sfida il nazismo.

di roberto.morandi@varesenews.it
Pubblicato il 02 Ottobre 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore