Altre 8 ore di sciopero alla Whirlpool di Cassinetta

I lavoratori incroceranno nuovamente le braccia giovedì 5 novembre. I sindacati dei protestano per la mancata attuazione del piano industriale e per il rinnovo del contratto nazionale

whirlpool

Dopo la protesta della scorsa settimana, per la chiusura definitiva della fabbrica di lavatrici di Napoli, si torna a scioperare alla Whirlpool di Cassinetta di Biandronno. I sindacati dei metalmeccanici, Fim, Fiom e Uilm, hanno indetto uno stop di 8 ore per giovedì 5 novembre.

Continua dunque lo stato di agitazione dei lavoratori nelle fabbriche della multinazionale americana. Al centro della protesta dei lavoratori ci sono due questioni: il rinnovo del contratto nazionale dei metalmeccanici e la mancata attuazione del piano industriale da parte di Whirlpool sottoscritto nel 2018, che ha portato alla chiusura dello stabilimento di Napoli.

La rus di Fim, Fiom e Uilm ha comunicato che saranno presidiati tutti gli ingressi dello stabilimento di Cassinetta di Biandronno dove lavorano circa duemila persone.

Whirlpool comunica la chiusura della fabbrica di Napoli. Continuano presidi e scioperi a Cassinetta

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 03 Novembre 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore