Cani guida: la Regione stanzia oltre 300mila euro in tre anni

I fondi servono ad allevare e addestrare cani che verranno poi forniti gratuitamente ai non vedenti. Soddisfatto l'assessore Bolognini: «Un'opportunità per migliorare l'inclusione sociale delle persone coinvolte»

cane guida ciechi

È di oltre 300mila euro lo stanziamento disposto dalla Giunta della Regione Lombardia per il finanziamento dell’addestramento di cani guida da concedere gratuitamente ai non vedenti. La misura è stata presa su iniziativa dell’assessore alle Politiche sociali, abitative e Disabilità, Stefano Bolognini. «I cani guida sono un aiuto fondamentale – ha sottolineato l’assessore – per permettere a tanti non vedenti di guadagnare la piena autonomia di movimento. Un’opportunità per migliorare la loro inclusione sociale. Inoltre, il cane guida è anche un compagno che nel quotidiano regala affetto e si rivela indispensabile in moltissime situazioni casalinghe».

Il contributo totale ammonta a 318mila euro, per la precisione; una prima erogazione è prevista già entro il 2020 per 118mila euro mentre 100mila verranno assegnati nel 2021 e i restanti 100mila nel 2022. «Con queste risorse le associazioni potranno allevare, crescere e addestrare cani guida da fornire a titolo gratuito ai cittadini non vedenti residenti in Lombardia – prosegue l’assessore – Il provvedimento dimostra ancora una volta come Regione Lombardia sia attenta ai bisogni di chi ha delle disabilità, in questo caso delle persone non vedenti. Una sensibilità che mi impegno a mantenere elevata anche per il futuro. Dal momento che nei mesi scorsi per l’epidemia in corso ci sono state oggettive difficoltà a livello operativo – ha quindi chiarito l’assessore -, si è valutato di estendere di tre mesi il periodo per la consegna dei cani guida disponibili e già addestrati».

«Migliorare la qualità della vita delle persone con disabilità – conclude l’assessore Bolognini – è uno dei punti fermi dell’azione del mio assessorato e del programma di governo di questa Giunta. Il nostro obiettivo è favorire nella nostra Regione un’inclusione sociale vera e concreta. Puntiamo a farlo con iniziative come questa, oltre che con una serie di provvedimenti e finanziamenti destinati a realizzare progetti che nascono anche da un proficuo e continuo confronto con le associazioni e i volontari».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 03 Novembre 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore