Coop Lombardia celebra la Giornata contro la Violenza sulle Donne con tante iniziative

Dal 19 novembre al 25 tante iniziative nei punti vendita Coop dal posto occupato ai sacchetti del pane con il numero 1522 stampato, passando per le donazioni ai centri antiviolenza

iniziative contro violenza sulle donne coop

La violenza contro le donne continua ad essere un innegabile problema culturale nel nostro Paese, con il periodo di lockdown dei mesi scorsi che purtroppo ne ha accentuato ancor di più la drammaticità. Coop Lombardia vuole essere in prima fila nel contrasto a questo terribile fenomeno, attraverso il supporto ai centri anti-violenza e lo sviluppo di una coscienza comune in favore dei diritti delle donne.

A tale scopo è stata ideata la campagna Insieme contro la Violenza, che mette in campo una serie di azioni dedicate al 25 novembre, Giornata Internazionale per l’Eliminazione della Violenza contro le Donne. E siamo particolarmente orgogliosi che un progetto ideato da Coop Lombardia, che impegna negozi e Comitati Soci ormai da diversi anni, da quest’anno sarà accolto a livello nazionale dal movimento delle Cooperative di Consumo.

Da giovedì 19 a mercoledì 25 novembre torna nei negozi e presso la sede della Cooperativa, “il Posto Occupato”, per ricordare in maniera simbolica le donne vittime di femminicidio e del posto che occuperebbero nella società se un uomo, che sia un familiare o uno sconosciuto, non avesse deciso di mettere fine alla sua vita. Un posto che sarebbe sicuramente stato anche in un supermercato, a fare la spesa per la propria famiglia: per questo il nostro “posto occupato” è una cassa nei nostri supermercati e ipermercati, che resterà chiusa e adibita di rosso.

E siccome per molte donne “la violenza è pane quotidiano”, torna anche l’iniziativa che porta questo messaggio sui sacchetti del pane, che tutti quotidianamente compriamo, con riportato anche il 1522, numero gratuito e sempre attivo, 24 ore su 24, per denunciare abusi, molestie e stalking.

Un altro cardine importante della campagna è il sostegno a chi ogni giorno lavora e si occupa di aiutare le donne perseguitate da soprusi e maltrattamenti. Anche quest’anno, nella giornata di sabato 21 novembre, attiveremo la donazione dell’1% delle vendite del prodotto Coop e dei Frutti di Pace ad alcuni centri anti-violenza del territorio lombardo.

Ma il riscatto delle donne non passa solo dalle campagne sociali: anche il lavoro gioca un ruolo fondamentale. Per questo i prodotti Frutti di Pace sono sempre protagonisti delle nostre giornate dedicate alla tematica, quale esempio concreto di come un progetto imprenditoriale cooperativo e femminile può cambiare le sorti delle persone e dei territori dove nascono.

I Frutti di Pace sono nettari e marmellate di frutti boschivi realizzati dalla cooperativa bosniaca Insieme, nata vicino a Srebrenica, in una zona devastata dalla guerra e dall’odio etnico.  Piano piano la cooperativa ha saputo ricostruire rapporti, economia e fiducia nel futuro: oggi ci lavorano moltissime donne di varie etnie e religioni, senza che questo sia un problema. Un progetto che Coop sostiene da tanti anni e ha contribuito a far sviluppare e conoscere anche da noi, venendo i Frutti di Pace sui propri scaffali e raccontandone la storia. Tante azioni, in collaborazione con enti e associazioni, con un unico scopo: dare il nostro contributo verso l’eliminazione della violenza contro le donne.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 18 Novembre 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore