Frenano i contagi nelle scuole: segnali positivi anche all’infanzia e alla primaria

In base ai dati forniti da Ats Insubria, sono visibili le riduzioni nelle fasce delle superiori e delle medie ma qualche segnale arriva anche da chi continua in presenza

Miglino: "Momento buio per la scuola, tornati ad una triste e preoccupante didattica a distanza"

Primi segnali di rallentamento dei contagi all’interno del mondo della scuola. Rispetto alla scorsa settimana sono 206 le classi in meno poste in quarantena a casan mentre sono in calo anche gli alunni isolati: meno 2109 in più rispetto a 7 giorni fa.

I miglioramenti sono legati soprattutto all’introduzione della didattica a distanza: é infatti il ciclo superiore a evidenziare la maggior riduzione con 2137 studenti e 90 docenti in meno in isolamento anche se, lo ricordiamo, si tratta di ragazzi che stanno comunque studiando a casa. Attualmente sono 103 gli operatori di questo ciclo secondario a essere in isolamento insieme a 1675 ragazzi appartenenti a 140 classi.

Numeri in miglioramento si evidenziano anche alle medie dove le classi in isolamento in meno rispetto alla scorsa settimana sono 40, 495 gli studenti e 58 gli operatori. Anche per questa fascia scolare è stata introdotta la “dad” ad esclusione delle prime classi.

Qualche lieve miglioramento si registra nei cicli infanzia e primaria che proseguono la scuola in presenza. Nella fascia prescolare sono 7 classi in meno ma 208 bimbi e 15 operatori in isolamento in più. Nel segmento elementare abbiamo 11 classi e 29 operatori in meno ma 315 alunni in più rispetto alla settimana precedente.

In termini assoluti, si contano 110 classi , 1398 bambini e 220 operatori in quarantena nella fascia infanzia/nido; 318 classi, 4491 alunni e 531 operatori alla primaria, 227 classi, 2826 studenti e 82 operatori alle medie.

di
Pubblicato il 13 Novembre 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore