Varese News

Giornata dell’Unità d’Italia e delle Forze Armate, sindaco e Alpini commemorano i caduti

Cerimonia ristretta ma sentita nei luoghi che ricordano i caduti delle guerre in città. Inaugurata la mostra dedicata alla Prima Guerra Mondiale a Busto Arsizio nel cortile del comune

commemorazione 4 novembre busto arsizio

L’Amministrazione comunale ha celebrato questa mattina la Giornata dell’Unità Nazionale e delle Forze Armate: dopo la deposizione di una corona al Monumento ai Caduti di piazza Trento Trieste, il sindaco Emanuele Antonelli ha consegnato a Franco Montalto, presidente dell’Associazione Nazionale Alpini di Busto Arsizio, un attestato di ringraziamento destinato a due alpini, Matteo Toia e Gabriele Luigi Borali, soci dell’Associazione Nazionale Alpini di Busto Arsizio, autori di gesti di coraggio a tutela della popolazione che sono valsi loro riconoscimenti dal Ministero della Difesa e dal Comando Truppe Alpine come si può leggere di seguito.

Croce di bronzo al caporal maggiore Matteo Toia, aggredito con le forbici a Milano

Sotto i portici del palazzo sono esposti 15 pannelli in cui sono illustrati episodi storicamente importanti della prima guerra mondiale con un particolare focus dedicato a Busto Arsizio e in particolare al palazzo municipale, adibito a Ospedale militare durante il periodo bellico. L’esposizione dal titolo “La Grande Guerra…passa da Busto Arsizio”, a cura dell’artista Dario Cardenia e dell’Associazione Nazionale Carabinieri – sez. di Varese, sarà liberamente visitabile tutti i giorni di apertura del palazzo fino al 31 dicembre.

Come sempre, al Tempio civico e davanti ai luoghi della memoria è stata deposta una corona in segno di omaggio: sono il monumento alla Resistenza e Deportazione in via Fratelli d’Italia, il monumento al Milite Ignoto al parco delle Rimembranze, il sacrario ai Caduti, il monumento ai Partigiani e la cappella Ugo Mara al cimitero principale, il monumento ai Caduti delle guerre e il monumento ai Caduti per la libertà al cimitero di Sacconago, la lapide a Don Angelo Volontè in piazza della Chiesa Vecchia a Sacconago, la cripta ai Caduti della chiesa di Borsano, il monumento ai Reduci delle Patrie Battaglie nel parco di via Foscolo, il sacrario della chiesa SS. Apostoli Pietro e Paolo (via Genova).

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 04 Novembre 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore