Varese News

“La situazione è preoccupante. Siamo passati da 3 a 12 funerali al giorno”

Renzo Oldani, titolare delle Onoranze Funebri S. Ambrogio, è preoccupato e lo dice senza tanti giri di parole. La nostra provincia è stata colpita in modo duro dal covid-19

bara funerale

“In un momento così duro e difficile dobbiamo ritrovare il senso della comunità. Dobbiamo trovare le parole di conforto perché tante famiglie stanno soffrendo la scomparsa dei loro cari”.

Renzo Oldani, titolare delle Onoranze Funebri S. Ambrogio, è preoccupato e lo dice senza tanti giri di parole. La nostra provincia è stata colpita in modo duro dal covid-19. All’inizio erano i numeri dei contagi a preoccupare, poi è arrivato il turno dei ricoveri, delle sirene delle autoambulanze a tutte le ore, di seguito le terapie intensive e ora si cominciano a contare i morti. Solo nelle ultime 24 ore sono stati comunicati 37 nuovi decessi Covid in tutta la provincia.

Una situazione davvero pesante. E lo è anche per i cimiteri e i forni crematori. “A Varese siamo in difficoltà perché ne funziona uno solo, l’altro è in manutenzione. Così siamo stati costretti a portare le bare dei defunti in Piemonte ad Acqui Terme e a Serravalle Scrivia. Ora andiamo a Brescia“.

In primavera erano state le case di riposo ad esser colpite e ad avere il maggior numero di morti. “Ora – prosegue Oldani – andiamo tutti i giorni negli ospedali di Angera e Varese, ma tanti decessi avvengono nelle case con persone sole e purtroppo stanno riprendendo la Rsa, anche quelle che erano state risparmiate. La situazione è davvero preoccupante. Noi in periodi come questo facevamo tre funerali al giorno. Ora sono dodici”.

Ciclismo varie

Il telefono squilla in continuazione e le richieste sono delle più svariate. Il pensiero di Renzo Oldani, da sempre impegnato per la collettività anche per sue passioni personali, va alle tante realtà dei territorio. “In questi anni le comunità rischiano di sfaldarsi. Lo vedo anche nel mio lavoro. I cimiteri hanno sempre meno spazi e le persone si incontrano poco. In momenti come questi che stiamo vivendo una parola di conforto, una piccola attenzione è importante perché le persone si sentano meno sole”.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 17 Novembre 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore