L’undicesima edizione del Pmi Day sarà in digitale

Torna in modalità digitale la più grande manifestazione di orientamento allo studio del territorio organizzata dal Comitato piccola industria di Univa. Migliaia gli studenti pronti ad entrare virtualmente nelle imprese della provincia con webinar, interviste e servizi video

Generica 2020

Il tema della cultura d’impresa rientra ormai di diritto in qualsiasi discussione riguardante il sistema paese dove da sempre – anche se iniziano a crearsi brecce importanti – persiste un clima anti impresa non più giustificabile.

Gli industriali hanno capito che per invertire un processo culturale ci vuole tempo e soprattutto pazienza e per questo hanno dato vita – attraverso Univa, l’associazione che li rappresenta – a una serie di iniziative di orientamento allo studio destinate a creare una nuova cultura d’impresa. Il Pmi Day è una di queste.
Organizzata dal Comitato per la piccola Industria di Univa, per accompagnare ogni anno migliaia di studenti di terza media alla scoperta del mondo dell’impresa, è la più grande manifestazione di orientamento allo studio della provincia di Varese.

In genere il Pmi Day (#PmiDayVarese2020) si fa in presenza. Gli studenti entrano fisicamente nelle aziende, toccano con mano, osservano, parlano con gli imprenditori e le maestranze. Insomma, respirano il clima della fabbrica. Un’occasione unica per iniziare a conoscere il mondo della produzione industriale e immaginare possibilità per il proprio futuro. Gli stessi organizzatori confermano che alcuni di quei ragazzi che undici anni fa parteciparono alla prima edizione del Pmi Day oggi lavorano nelle imprese manifatturiere del territorio.

«La formazione è da sempre il pezzo di un mosaico fondamentale per lo sviluppo del territorio varesino – afferma il presidente dell’Unione Industriali, Roberto Grassi -. Come associazione datoriale ci impegniamo a promuovere e diffondere la cultura d’impresa tra i ragazzi, soprattutto in questo momento di crisi economica e sanitaria. Momenti di difficoltà che non devono fermare le attività di orientamento di quelle ragazze e di quei ragazzi che tra pochi mesi dovranno scegliere la scuola superiore da frequentare. In questo momento il loro sguardo è rivolto al futuro. E così deve essere anche il nostro. Dobbiamo aiutarli a comprendere il mondo del lavoro, perché la scelta che faranno oggi è destinata a incidere su un percorso di studi che li accompagnerà agli esami di maturità del 2026».

L’undicesima edizione dell’iniziativa, a causa della pandemia, sarà in versione digitale: le oltre 140 tradizionali visite aziendali, che solitamente animano il progetto, verranno sostituite da alcuni tour virtuali.  Per il Pmi Day 2020 apriranno le porte delle proprie imprese, attraverso le telecamere di Univa, sei realtà industriali locali rappresentative della variegata composizione merceologica presente sul territorio. Spm Spa (lavorazioni meccaniche, plastiche e tipografiche) di Brissago Valtravaglia, Pool Service srl (produzione di articoli tricologici) di Cairate, Koh-i-noor Carlo Scavini & C. srl (produzione prodotti per toeletta e accessori bagno) di Tradate, Spii spa (produzione e commercio di materiale per settore ferroviario) di Saronno, Omnia Plastica spa (lavorazione, stampaggio, estrusione e polimerizzazione di materie plastiche) di Busto Arsizio e Roda srl (produzione e commercio di arredo esterno) di Gavirate.

Queste aziende verranno raccontate alle ragazze e ai ragazzi attraverso interviste, servizi video e dirette via webinar. L’obiettivo è mostrare cosa si celi dietro ad una macchina produttiva, quali siano le competenze necessarie per lavorare in un’impresa,  le figure professionali che fanno funzionare una realtà complessa come una piccola o media azienda manifatturiera e i possibili percorsi di studio da intraprendere per arrivare a ricoprire quei ruoli.

La data e l’ora della visita virtuale saranno comunicate dall’Unione Industriali alle scuole. I professori referenti del progetto potranno scegliere a quale tour aziendale partecipare e iscriversi al webinar mandando un’e-mail alla segreteria del progetto: pmiday@univa.va.it. Ai vari docenti l’Unione Industriali fornirà il link di partecipazione ad un webinar durante il quale verranno proposte le interviste agli imprenditori e i servizi video girati all’interno delle aziende. Con la possibilità, per le ragazze e i ragazzi, di porre domande in tempo reale.

«Cambia la formula quindi, ma non la sostanza: coinvolgimento, interazione e confronto tra studenti ed imprenditori resteranno, anche per questa nuova edizione, gli obiettivi principali dell’iniziativa – commenta il presidente del Comitato per la Piccola Industria di Univa, Giancarlo Saporiti.

UNA RACCOLTA FONDI PER SOSTENERE LE SCUOLE

La vera novità di questa edizione digitale del #Pmidayvarese2020 è, invece, il lancio di una raccolta fondi tra le imprese per dare un sostegno alle scuole del territorio, messe anch’esse a dura prova dalla pandemia. Le risorse finanziarie donate dalle imprese permetteranno di dotare gli studenti più bisognosi di quelle attrezzature informatiche necessarie allo sviluppo di una nuova didattica moderna. «Non abbiamo voluto disperdere l’entusiasmo e la passione con cui centinaia di imprese della nostra provincia aprono ogni anno le porte al Pmi Day – spiega Giancarlo Saporiti – per questo abbiamo voluto coinvolgerle in maniera differente, ma molto concreta, attraverso la richiesta di adesione ad una raccolta fondi destinata all’acquisto di device. Una partecipazione, dunque, diversa, ma in pieno spirito Pmi Day, che permetterà di dotare gli istituti di dispositivi elettronici, ormai fondamentali per una scuola all’avanguardia».

Le imprese che vogliono aderire alla raccolta fondi possono farlo, fino a fine novembre, con un versamento sul conto corrente bancario intestato all’Unione degli Industriali della Provincia di Varese. Codice Iban: IT 02 E 03111 10801 000000007734 Swift Code: BLOPIT22. La causale del versamento da inserire è: “Pmi Day 2020: acquisto Device”.

AULA VIRTUALE

Anche per questa edizione del Pmi Day varesino l’Unione Industriali ha messo a disposizione degli studenti un’vula virtuale sul sito www.univa.va.it. Obiettivo: preparare studenti e professori alle visite aziendali. All’interno dell’aula sono presenti diversi documenti da poter consultare. Tra questi: questionari per conoscere il mondo industriale; dei podcast realizzati per poter guidare gli studenti verso la scelta delle scuole superiori da intraprendere; approfondimenti sul tema dell’economia circolare e alcuni consigli e buone prassi di comportamento per prevenire il contagio da Covid-19 messi a disposizione dal ministero della Salute.

IL TEMA DELLA RESILIENZA
Tema che quest’anno verrà posto al centro dei webinar del Pmi Day è la resilienza. Nei giorni seguenti le visite virtuali i ragazzi dovranno produrre un articolo in stile giornalistico che racconti la capacità delle aziende di trasformarsi, adeguarsi e modernizzarsi, anche a seguito del periodo emergenziale che il Paese sta vivendo. I migliori articoli verranno pubblicati sul magazine dell’Unione Industriali, Varesefocus, da sempre in prima linea nel dare spazio ai contributi dei giovani giornalisti in erba del Pmi Day. È di solo un mese fa, infatti, la pubblicazione di un’edizione speciale di Varesefocus interamente scritta dai centinaia di ragazzi che hanno partecipato all’edizione 2019 del Pmi Day. Risultato: il più grande e completo racconto della manifattura varesina, vista con gli occhi dei giovani studenti di terza media.

GLI SPONSOR DELL’INIZIATIVA
L’organizzazione #PmiDayVarese2020 è resa possibile anche grazie alla collaborazione e al supporto di Amca Elevatori e Assi srl.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 16 Novembre 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore