Ospedali varesini sotto pressione: pazienti ricoverati nei presidi bergamaschi

La cabina di regia centrale sta lavorando per allentare la pressione sui presidi del territorio. Molto elevato il ritmo degli accessi e la capacità di accogliere è ormai esaurita

ambulanza

Gli ospedali varesini stanno esaurendo la propria capacità ricettiva e interviene il sistema lombardo con la cabina di regia centrale che monitora le condizioni di operatività. Così nelle ultime ore le ambulanze hanno cominciato a spostare pazienti verso presidi di Bergamo che, al momento, risentono meno della nuova ondata pandemica.
Dopo una primavera davvero difficile dove le ambulanze con i pazienti si muovevano dalla Bergamasca , dal Lodigiano e dal Cremasco, ora è la provincia di Varese con le due Asst Sette Laghi e Valle Olona a chiedere aiuto. Il ritmo di arrivi nei PS locali è molto elevato e il sistema è in grossa difficoltà. Dopo aver riorganizzato l’attività si è cominciato a spostare in altre province.

All’ospedale di Bergamo Papa Giovanni, messo a dura prova la scorsa primavera , la situazione attualmente è meno critica. Solo il 30% dei pazienti ricoverati è del territorio. Nelle ultime due settimane il flusso da fuori Bergamo è andato aumentando. Oltre al presidio è operativo anche il padiglione in fiera dove vengono accolte le persone stabilizzate e meno gravi.

di
Pubblicato il 06 Novembre 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore