Assemblea online per il Pci varesino: “Alle elezioni saremo alternativi a centrodestra e centrosinistra”

La decisione dall'assemblea: "Daremo una presenza del PCI con proprie liste o liste condivise con la sinistra di alternativa, alle elezioni amministrative di Gallarate, Varese e Busto"

partito comunista italiano varese

Si è svolta online l’assemblea degli iscritti al PCI della Federazione di Varese. Un appuntamento con il quale il partito ha esaminato nello specifico, la complessa problematica inerente le prossime elezioni amministrative in Provincia di Varese.

L’Assemblea ha rimarcato la necessità di una politica atta a dare centralità alla linea politica nazionale anche nelle elezioni amministrative, “ritenuto momento decisivo per un insediamento nei territori”, così come era stato precedentemente affermato in un comunicato dell’estate scorsa, quando si è voluto sottolineare, anche in termini simbolici, il ruolo del partito, il contesto elettorale per le prossime tornate elettorali.

Si ribadisce, pertanto di impiegare il simbolo del Partito Comunista Italiano anche nel caso in cui si dovesse presentare un‘alleanza a sinistra del PD, con forze politiche, sociali e culturali che organicamente non presentano alcuna disponibile affinità per la presentazione delle liste elettorali rispetto al centrosinistra.

“Il Partito Comunista Italiano – spiegano -, anche in provincia di Varese rigetta la logica del “voto utile” come atto dovuto che in virtù del voto al “meno peggio” che nel recente passato ha reso subalterno il peso politico di chi non si riconosce nelle scelte fondamentalmente neoliberiste che a vario titolo hanno incancrenito la situazione socioeconomica e politica del paese. È palese, sotto gli occhi di tutti, come le amministrazioni guidate dal centrodestra e quelle guidate dal PD abbiano portato avanti le stesse politiche, e noi non ci scordiamo la commemorazione dei repubblichini di Salò nel 2017 a Somma lombardo, per noi l’antifascismo e la Costituzione della nostra Repubblica sono fondamentali”.

La linea del partito è quella di un duro attacco anche al centrosinistra: “Si è consapevoli, dunque, che il centrosinistra, alla luce del sua traiettoria politica si è rivelato, di fatto, negli anni, la “tomba” della sinistra – Spiega il Pci Varesino -. Occorre altro per ricostruire un certo “tessuto” nel Paese, occorre portare avanti un percorso che dia voce ai cittadini, ai lavoratori, dal privato al pubblico, ai precari, a chi ha pagato sulla propria pelle questi anni di crisi aggravati dalle politiche liberiste del centrodestra e di chi, per convenienza, si è mascherato da sinistra senza condividerne valori e sensibilità; due facce della stessa medaglia. La nostra proposta è dunque un programma di netta alternativa e contrapposizione alle esperienze passate, già dalle prossime settimane, daremo corso a progetti che possano garantire una presenza del PCI con proprie liste o in liste condivise con la sinistra di alternativa, alle elezioni amministrative del prossimo anno, in primis quelle riguardanti Gallarate, Busto, Varese“.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 09 Dicembre 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore