Cani, gatti e furetti: cosa cambia negli spostamenti dopo la Brexit?

L’Organizzazione internazionale protezione animali informa che vi saranno modifiche nelle procedure per gli inglesi che vengono nei paesi dell'Unione

cani e gatti

Dal 1° gennaio 2021 il Regno Unito diventa un “Paese terzo” anche per quanto riguarda gli spostamenti con gli animali domestici: cani, gatti e furetti. L’Organizzazione internazionale protezione animali (Oipa) informa che, mentre per viaggiare dall’Unione Europea verso il Regno Unito per ora non vi saranno sostanziali modifiche nelle procedure, qualcosa cambia per i cittadini britannici che entreranno nell’UE con il proprio animale da compagnia.

Dal Regno Unito all’UE.
Con la Brexit i cittadini britannici potranno continuare a viaggiare con il proprio familiare con la coda verso l’Unione Europea, ma gli attuali passaporti europei perderanno la validità e saranno sostituiti da una speciale certificazione veterinaria. I pet dovranno essere microchippati, vaccinati contro la rabbia almeno 21 giorni prima del viaggio, trattati contro le infezioni da tenia e accompagnati da un certificato di salute animale, l’Animal Health Certificate (AHC). Le stesse regole si applicheranno anche agli animali in viaggio dalla Gran Bretagna verso l’Irlanda del Nord. Un AHC sarà valido per 10 giorni dalla data di rilascio per l’ingresso nell’UE e per un singolo viaggio in Europa, all’interno della quale avrà una validità di quattro mesi dalla data di rilascio. È previsto lo stesso arco temporale di validità per il rientro in Gran Bretagna. I certificati veterinari dovranno essere scritti sia in inglese sia nella lingua ufficiale del Paese in cui i viaggiatori con animali al seguito si recheranno.

Dall’UE al Regno Unito.
Non vi saranno modifiche riguardanti gli attuali documenti per gli animali domestici che entrano in Gran Bretagna dall’UE o dall’Irlanda del Nord. Il Regno Unito ha dichiarato che continuerà ad accettare i passaporti per animali dell’UE emessi prima del 1° gennaio 2021. È comunque consigliabile consultare le pagine ufficiali del Governo dell’UK prima di mettersi in viaggio.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 29 Dicembre 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore