Varese News

Da Kobe Bryant a Paolo Rossi, il 2020 ci ha rubato anche i sogni

E' stato un anno disastroso sotto tutti i punti di vista. Sono tanti i personaggi dello sport, della cultura e dello spettacolo morti in questi mesi già tragici, lasciando un vuoto incolmabile

Generica 2020

È stato un anno disastroso, sotto tutti i punti di vista. Il Covid-19 ha stravolto le nostre vite, mietuto un milione e mezzo di vittime nel mondo. Basterebbe questo, ovviamente, per archiviare uno degli anni più funesti della nostra storia. Un popolo, poi, ha bisogno di sogni e questo tragico 2020 ce ne ha portati via tanti. Idoli e protagonisti indiscussi del nostro tempo: dall’inizio dell’anno sono tanti i personaggi morti, per malattia, vecchiaia o per tragici incidenti.

Il primo è stato Kobe Bryant: tra i più grandi protagonisti del basket NBA, è morto il 26 gennaio 2020 in un incidente aereo in California. L’elicottero a bordo del quale stava viaggiando è precipitato.  Aveva solo 41 anni.  A bordo anche la figlia Gianna Maria di 13 anni. In questo articolo raccontiamo quella volta che venne a Varese.

Poi è toccato a Kirk Douglas, l’attore è scomparso il 5 febbraio 2020.

Il 16 aprile ci ha lasciato, stroncato dal coronavirus,  Luis Sepulveda: scrittore amatissimo, ha pubblicato molti romanzi, raccolte di racconti e libri di viaggio, tra i quali  “Storia di una gabbianella e del gatto che le insegnò a volare”. Sepulveda ricevette anche il premio Chiara alla carriera nel 2014, fu il primo scrittore straniero a riceverlo: la cerimonia si tenne al Teatro Sociale di Luino.

Il 15 maggio è morto Ezio Bosso: il compositore, pianista e direttore d’orchestra aveva 48 anni. In una delle sue ultime apparizioni televisive, alla trasmissione La7 Propaganda Live, Bosso aveva parlato della musica come di una terapia per la società: “La musica e l’arte sono dei comparti produttivi, noi produciamo benessere e coadiuvante sociale. La musica è una terapia, per me anche personale, in questo momento mi manca e mi sta non facendo bene. La musica è una terapia per la società”.

Il giornalista e scrittore Roberto Gervaso ci ha lasciato il 2 giugno 2020. Nella sua lunga carriera ha vinto due volte il Premio Bancarella e collaborato a lungo con Indro Montanelli.

Le sue musiche hanno portato l’Italia nel mondo, uomo mite e semplice il 6 luglio è morto il compositore Ennio Morricone: cinque volte candidato all’Oscar, vincitore nel 2016 con The hateful eight, si è spento in una clinica per le complicanze del ricovero dopo la rottura di un femore.

All’anagrafe Franca Norsa, era nata il 31 luglio 1920. Celebre per i suoi monologhi, ha raccontato con fine ironia le donne del Dopoguerra, dalla Sora Cecioni alla Signorina Snob: il 31 luglio muore Franca Valeri 

Grande cordoglio anche a Varese ha suscitato la morte, il 2 settembre, Philippe Daverio: storico e critico d’arte Daverio,  dal ’93 al ’97 ha anche ricoperto la carica di assessore alla Cultura a Milano con Marco Formentini sindaco; era molto legato a Varese che frequentava da bambino come luogo di villeggiatura estiva e poi come studente della Scuola Europea. Qui l’articolo dove parla di Varese.

Il 31 ottobre muore Sean Connery, il leggendario James Bond.

Di lui ci mancherà tutto: la sua parlata, le sue barzellette e i suoi monologhi, la sua bravura fuori dal comune. Gigi Proietti è morto il 2 novembre 2020. Proietti è stato ospite anche al Teatro delle Arti. «Era l’8 e 9 maggio 1991», ricorda Riccardo Carù, grande appassionato, da anni tra i collaboratori di don Alberto nella gestione di quel piccolo miracolo di provincia che è il teatro di Gallarate. (qui il ricordo)

Il 25 novembre muore Diego Armando Maradona: il “dio del calcio” aveva compiuto 60 anni e dopo pochi giorni era stato ricoverato in ospedale per l’asportazione di un ematoma al cervello.

Il simbolo dei Mondiali del 1982 si è spento il 10 dicembre dopo una lunga malattia: Paolo Rossi aveva 64 anni e con lui i ricordi di un calcio vissuto in un’epoca felice.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 10 Dicembre 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore