“Nessuno è un’isola”: la video installazione dei giovani “naufraghi”

Online il 12 e 13 dicembre il racconto di bambini e ragazzi allievi delle scuole di Teatro di Oplà e Viandanti teatranti su come vivono l'epoca del Covid-19

Generica 2020

Le scuole di teatro Oplà (Tradate e Besnate) e Viandanti Teatranti (Busto Arsizio) continuano la loro collaborazione. Dopo aver creato delle video installazioni con i loro allievi adulti, ora passano ai minori.
I docenti si sono interrogati a lungo sul ruolo che hanno avuto i minori in questo periodo di Covid-19. Come si sono sentiti? Hanno avuto la possibilità di dire come stanno?

“Crediamo che i bambini e i ragazzi abbiano molto da dire sulla situazione che tutti noi stiamo vivendo e soprattutto abbiano da dire a noi adulti. Chiaramente a noi interessa usare il linguaggio del teatro che è un linguaggio universale, capace di arrivare al cuore di tutti noi. Così abbiamo deciso di creare un video-art, dove ognuno possa cogliere il proprio soggettivo punto di vista estetico”, spiegano i promotori.

COME NASCE NESSUNO E’ UN’ISOLA

La metafora usata per creare gli elaborati artistici è stata: il naufrago. In questo periodo di Covid-19, i più giovani, e spesso anche gli adulti, si sentiti come dei naufraghi, sballottati dalle onde del vento, in balia del mare.
Dopo giorni impervi e confusi, si è giunti su un’isola nuova, a noi sconosciuta, la nuova realtà . “Da veri naufraghi passiamo giorni altalenanti, alternando momenti in cui ci sentiamo ISOLA, isolati, soli, persi, a momenti in cui ci sentiamo ESPLORATORI, scopriamo nuove strategie per sopravvivere, per lanciare segnali, come accendere un fuoco, scrivere un messaggio in una bottiglia o sulla sabbia” spiegano i docenti delle due scuole di teatro che hanno quindi chiesto agli allievi di creare un elaborato artistico rispetto ad alcuni input.
• Cosa mi manca in questo isolamento? Quando mi sento ISOLA, isolato, solo, perso?
• Cosa mi sono inventato in questo isolamento? Le mie strategie di sopravvivenza? Che fuoco ho acceso?

Ogni fascia d’età ha usato il canale espressivo che gli è più congeniale: bambini-disegni, preadolescenti-foto, adolescenti-video.

L’EVENTO

Il video finale sarà proiettato il weekend 12 e 13 dicembre sulla vetrina della biblioteca di Lonate Ceppino e sarà disponibile sui canali social dalle 11.30 di sabato 12 fino alle 20 di domenica 13. A
I canali social che verranno utilizzati saranno quelli delle compagnie Oplà, Viandanti Teatranti, del Comune di Lonate Ceppino e della biblioteca e del Comune di Besnate.

Il progetto è ideato e realizzato dalla compagnia Oplà. Le compagnie ringraziano gli assessori alla cultura e i sindaci di Lonate Ceppino e Besnate e tutti gli allievi che hanno aderito al progetto.

di
Pubblicato il 11 Dicembre 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore