Varese News

Per il 2021 Busto Arsizio si regala l’illuminazione pubblica rifatta da A2a

Dopo mesi di tira e molla la società che si è aggiudicata la gestione dei quasi 10 mila pali della luce cittadini inizierà i lavori per sostituire le vecchie lampade tradizionali con le luci a led

illuminazione pubblica

«Dopo anni di attesa, sta per concretizzarsi uno dei progetti più significativi di questo mandato amministrativo, la riqualificazione dell’impianto di illuminazione pubblica di Busto Arsizio». Ad annunciarlo è il sindaco Emanuele Antonelli dopo mesi di stallo e una guerra di ricorsi tra le varie società che hanno preso parte alla gara.

Oggi il primo passo con la consegna degli impianti al Raggruppamento Temporaneo di Imprese costituito da A2A Illuminazione Pubblica S.r.l. e Varese Risorse S.p.A, che da domani, 10 dicembre, avrà in carico la gestione e la manutenzione dei corpi luminosi e di tutte le apparecchiature connesse.

Da domani, quindi, ogni segnalazione in merito a richieste di intervento, malfunzionamenti e guasti non dovrà più essere indirizzata ad Agesp S.p.A., ma ad A2A Illuminazione Pubblica S.r.l., utilizzando l’indirizzo di posta elettronica a2aip-bustoarsizio@a2a.eu o il numero di telefono 3480307474 e al Comune di Busto Arsizio all’indirizzo operepubbliche@comune.bustoarsizio.va.it.

Da oggi prendono il via anche tutti gli adempimenti relativi alla riqualificazione dell’impianto, con l’avvio della progettazione esecutiva a carico del gestore.

«Quella di oggi è una data da segnare sul calendario: posso finalmente dire che entro la fine del 2021 avremo una città illuminata con sistemi innovativi e all’avanguardia – continua Antonelli –. Una novità che avrà effetti positivi sulla sicurezza, grazie al miglioramento della visibilità lungo le strade nelle ore notturne, e che consentirà all’Amministrazione un notevole risparmio energetico. Ne trarrà beneficio anche l’aspetto estetico della nostra città, grazie all’installazione di nuovi pali al posto di quelli esistenti, superati sia dal punto di vista tecnologico, che da quello della forma. Un intervento di cui c’era un grande bisogno e per il quale abbiamo lavorato con grande impegno e determinazione, purtroppo rallentato dai continui ricorsi dei partecipanti alla gara».

Il progetto prevede la sostituzione di tutti i corpi illuminanti (10.000 circa) con proiettori led di ultima generazione, la messa a norma dell’impianto con la sostituzione e l’accorpamento delle linee e dei quadri elettrici, la sostituzione di oltre 2.000 pali e oltre 3.000 bracci o mensole, la verniciatura di quasi 2.000 pali.

La riduzione complessiva di consumi di energia elettrica sarà pari a circa l’80% rispetto all’attuale. Completano l’intervento la predisposizione di un’infrastruttura di rete per i servizi di “smart city” e altri servizi aggiuntivi, quali pannelli informativi, postazioni di ricarica elettrica auto, sistemi di smart parking e di sistemi innovativi di illuminazione adattiva. L’avvio dei lavori è previsto per il mese di marzo 2021 e la durata complessiva sarà pari a 8 mesi.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 09 Dicembre 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore