Varese News

Pro Vita: “Avanti con i camion vela, nostri legali al lavoro con le denunce”

La onlus antiabortista contrattacca, dopo le critiche alla campagna "Dalla parte delle donne"

manifesto pro life

«I nostri legali sono al lavoro con decine di denunce, richieste di rettifiche alla stampa e numerosi ricorsi ai Tar regionali». Pro Vita e Famiglia contrattacca, dopo la mobilitazione “laica” in varie località, compresa quella dell’Alto Milanese, tra Legnano, Busto Arsizio e Gallarate.

«Continuiamo la nostra battaglia per la verità sia in sede legale che operativamente per le strade d’Italia: dove, come a Milano, hanno rimosso o strappato i nostri manifesti della campagna #dallapartedelledonne stiamo inviando camion vela. E decine di nuovi cittadini e associazioni hanno organizzato altre affissioni e camion vela, da Busto Arsizio e Cesena fino a Cremona, Parma, Pavia, Forlì solo per dirne alcuni», dice Toni Brandi, presidente di Pro Vita e Famiglia onlus.

La campagna di Pro Vita e Famiglia è stata contestata da “6000 sardine” di Varese e Legnano e da Arcigay Varese (che hanno scritto ai sindaci delle città di Busto, Gallarate e Legnano, ricevendo risposta solo dal sindaco di quest’ultima località), nonché dal partito Possibile. Le realtà laiche contestano la campagna soprattutto perché considerata ingannevole, rispetto alla pericolosità della Ru486, che è un farmaco approvato.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 21 Dicembre 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore