Spostamenti, visite, ristoranti: ecco cosa è consentito (e cosa no) fino al 6 gennaio

Il Governo ha pubblicato le indicazioni per rispettare gli ultimi provvedimenti emessi per contrastare il diffondersi dell'epidemia. Misure più larghe nei giorni feriali, più strette nei festivi e nei prefestivi

Piazza Montegrappa a Vares

Cosa si potrà fare e cosa invece è vietato, in Italia, da qui al 6 gennaio prossimo per via della pandemia? Le disposizioni contenute nel cosiddetto “Decreto Natale”, il pacchetto di provvedimenti approvato lo scorso 18 dicembre, sono state spiegate sul sito del Governo con le risposte alle domande più frequenti in materia. Vediamo quali sono le principali.

RITORNO VERSO CASA

Il rientro alla propria residenza, domicilio o abitazione è sempre consentito.

SPOSTAMENTI PER LAVORO, SALUTE NECESSITÀ

Resta consentito spostarsi per raggiungere il posto di lavoro, per effettuare visite mediche e altre incombenze riguardanti la salute. Sotto il termine “necessità” rientrano una serie di altre attività tra cui sono comprese l’assistenza a persone non autosufficienti o gli spostamenti di quei genitori separati o affidatari che devono ricongiungersi con i figli, nel rispetto dei provvedimenti del giudice.

AMICI E PARENTI: COME, DOVE QUANDO

Tra il 21 dicembre e il 6 gennaio è vietato uscire dalla propria regione per fare visita ad amici e parenti.
Nei giorni festivi e prefestivi (24, 25, 26, 27 e 31 dicembre; 1, 2, 3, 5 e 6 gennaio)– È possibile spostarsi una volta al giorno tra le 5 e le 22 (sempre all’interno della regione) nel limite massimo di due persone che possono portare con sé figli sotto i 14 anni o persone disabili/non autosufficienti con cui convivono.
Nei giorni feriali (28, 29 e 30 dicembre; 4 gennaio) – Gli spostamenti all’interno del proprio comune sono liberi tra le 5 e le 22. La norma resta uguale a quella dei giorni festivi per quanto riguarda visite al di fuori del proprio comune di residenza (quindi una sola volta al giorno, massimo due persone oltre ai figli under 14). Resta il divieto di raggiungere un’altra regione.

ALTRI SPOSTAMENTI NEI GIORNI FERIALI

Chi vive in comuni con meno di 5mila abitanti potrà spostarsi – nei giorni feriali – tra le 5 e le 22 entro un massimo di 30 chilometri dal confine comunale, senza però poter raggiungere il capoluogo di provincia. In questo caso, le persone coinvolte possono anche superare il confine regionale.
Tre esempi. Un residente a Biandronno* può recarsi a Gallarate (e non viceversa). Un residente a Mercallo* si può recare ad Arona (Piemonte). Un residente a Cuvio* non può recarsi a Varese (capoluogo).
* comuni del Varesotto con meno di 5mila abitanti

SECONDE CASE

Tra il 21 dicembre e il 6 gennaio gli spostamenti di un nucleo familiare verso le seconde case sono consentiti tra le 5 e le 22 all’interno della propria regione, vietati verso altre regioni. La seconda casa può essere intestata a più comproprietari di un solo nucleo familiare convivente.

NEGOZI E RISTORANTI

Nei giorni festivi – Il regime scelto è quello della cosiddetta “zona rossa”: per i ristoranti (e bar/pasticcerie) consentiti solo l’asporto sino alle 22 o il servizio a domicilio senza restrizioni d’orario. Restano aperte aree di servizio sulle autostrade e bar in stazioni e aeroporti. I negozi resteranno chiusi.
Nei giorni feriali – Il regime è quello di “zona arancione”. Ristoranti e affini possono effettuare asporto (fino alle 22) e servizio a domicilio mentre i negozi possono aprire sino alle ore 21.
Restano sempre aperti negozi e supermercati di generi alimentari e di prima necessità, farmacie, parafarmacie, edicole, lavanderie, tabaccherie, parruchieri e barbieri.

TURISMO

Sino al 23 dicembre è possibile spostarsi per turismo all’interno della propria regione. Dal 24 dicembre al 6 gennaio non è possibile effettuare spostamenti per turismo. L’eccezione riguarda i giorni feriali nei quali ci si può spostare all’interno del proprio comune o entro 30 chilometri (esclusi i capoluoghi di provincia) per chi vive in comuni fino a 5mila abitanti.

ULTERIORI delucidazioni sono disponibili CLICCANDO QUI (collegamento al sito del Governo)

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 22 Dicembre 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore