Anche gli 0-0 possono essere belli: un punto a testa per Pro Patria e Alessandria

I tigrotti giocano un gran primo tempo ma non riescono a trovare il gol. Nella ripresa è la difesa biancoblu a prendersi i meriti per un pareggio senza reti ma piacevole

pro patria alessandria

Un punto dal peso specifico decisamente importante per chiudere il girone di andata. La Pro Patria pareggia 0-0 con un’Alessandria imbottita di talenti che però non riesce a bucare il muro biancoblù. Alla vigilia Javorcic aveva sollecitato all’attenzione visto che i grigi sono tra i favoriti alla vittoria finale, e attenzione è stata: Bertoni, Parker e Brignoli tra i più positivi della partita, e in generale la retroguardia tigrotta che ha saputo gestire bene la pressione e i momenti meno ispirati degli avversari, in una costante tensione propositiva. Dopo due partite, nel 2021 i tigrotti hanno raccolto 4 punti e zero gol subiti, mentre sulle 19 partite del girone di andata si registrano 30 punti. Settimana prossima si ricomincia, con la Pro ancora allo Speroni per la sfida contro la Carrarese all’ora di pranzo.

La partita è già da subito all’insegna dell’equilibrio. Le due squadre si confrontano in un centrocampo intasato e inizialmente gli spazi per colpire sono pochi. I tigrotti comunque propongono tanto e riescono a rompere il ghiaccio intorno al 16’: da un dialogo avanzato tra Parker e Castelli nasce un cross che raggiunge sul secondo palo Spizzichino, il quale con un debole colpo di testa non riesce a creare problemi a Pisseri. Poco dopo ci prova anche Castelli da fuori area, e questa volta all’estremo difensore grigio tocca rispondere con i pugni. Al 21’ è Parker a controllare in area provando il sinistro estemporaneo da posizione defilata, Pisseri sempre attento respinge. Cinque minuti dopo l’Alessandria, che comunque non si è limitata a guardare, produce il primo vero pericolo della sua partita grazie alla dinamicità di Parodi che va via sulla destra e mette in mezzo. Il pallone non trova compagni in area, ma in un secondo momento arriva tra i piedi di Bruccini che calcia alto. I pericoli arrivano proprio dalla destra, dove Parodi arriva più volte al cross trovando sempre l’opposizione dei centrali biancoblù. Al 38’, su suggerimento di Arrighini, ancora Parodi al momento di concludere viene murato da Boffelli.

Il secondo tempo si apre con Javorcic che aggiusta la formazione inserendo Brignoli al posto di Spizzichino che, adattato come la partita scorsa da mezz’ala, non stava interpretando al meglio la partita. Il neo entrato si fa subito vedere con una violenta conclusione da fuori area, sulla quale Pisseri si supera parando in tuffo con una mano. Al 9’ Parker arriva su un cross da corner di Bertoni, ma la sua mezza girata è fuori misura. In questa fase la Pro porta una pressione precisa, che lascia poco margine di libertà al gioco degli avversari, e contemporaneamente li costringe all’attenzione costante. Quando però riesce a sfondare il muro, l’Alessandria si rende pericolosa con Eusepi che al 13’ calcia in diagonale e sfiora il palo. Pian piano la pressione si allenta, i grigi vengono fuori e attaccano con qualità. Al 20’ è ancora Eusepi a concludere dal limite con un rasoterra centrale che Greco blocca. È Brignoli uno dei più positivi in campo: al 25’, defilato sulla destra, con un gioco di gambe riesce a liberarsi di due difensori. Entrato in area, prova l’assist basso per Parker che però non trova la palla a causa dell’anticipo di Blondett. Al 32’ ancora Pro Patria questa volta con Nicco che sfrutta bene il contrasto area vinto da Castelli per entrar in area e concludere con una mezza rovesciata. Giocata complicatissima che comunque finisce nello specchio e viene respinta bene da Pissenti. Sul finire di partita le squadre sono stanche e non si registrano particolari emozioni. Al termine un punto a testa che non scontenta nessuno.

PRO PATRIA – ALESSANDRIA 0 – 0 (0 – 0)

PRO PATRIA (3-5-2): 1 Greco, 6 Gatti, 19 Lombardoni, 13 Boffelli; 7 Cottarelli, 17 Spizzichino (1′ s.t. 8 Brignoli), 14 Bertoni, 20 Nicco, 15 Pizzul; 30 Castelli (42′ s.t. 10 Le Noci), 9 Parker. A disposizione: 12 Mangano, 2 Compagnoni, 4 Saporetti, 5 Molinari, 11 Kolaj, 21 Colombo, 24 Latte Lath, 25 Ferri, 26 Dellavedova, 31 Vaghi. All. Javorcic.

ALESSANDRIA (3-4-3): 12 Pisseri; 20 Blondett (28′ s.t. 31 Bellodi), 5 Cosenza, 19 Prestia; 7 Parodi, 16 Bruccini, 8 Castellano, 33 Rubin; 11 Arrighini (19′ s.t. 34 Stanco), 9 Eusepi, 18 Corazza (37′ s.t. 4 Chiarello). A disposizione: 1 Crisanto, 13 Podda, 14 Gazzi, 21 Casarini, 22 Crosta, 23 Macchioni, 28 Giorno, 29 Poppa. All. Gregucci.

ARBITRO: Ermanno Feliciani di Teramo (Francesco D’Apice della Sezione di Castellammare di Stabia e Michele Somma della Sezione di Castellammare di Stabia. Quarto Ufficiale Simone Galipò della Sezione di Firenze.

Angoli: 2 – 2. Recupero: 1′ p.t. – 3′ s.t. Ammoniti: Bertoni (PPA); Blondett, Eusepi (ALE). Note: Giornata fredda e soleggiata. Terreno di gioco in ottime condizioni. Gara disputata a “porte chiuse”.

di
Pubblicato il 16 Gennaio 2021
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore