Nuovo Governo, le proposte del terzo settore al presidente Draghi

Parla Claudia Fiaschi, portavoce del forum nazionale che ha incontrato il premier. Comitati regionali: conferme e novità alle presidenze. Il progetto Eyess verso l'evento finale

notiziario uisp varese

NOTIZIARIO UISP del 17 febbraio 2021

NUOVO GOVERNO – Il terzo settore da Draghi per la coesione sociale
«È stata l’occasione per rappresentare al Presidente Draghi il contributo che il terzo settore sta dando nell’emergenza sociale ed economica che attraversa il Paese e le proposte per sprigionarne il potenziale nella fase di rilancio». Lo ha affermato Claudia Fiaschi, portavoce del Forum nazionale Terzo Settore, che mercoledì 10 febbraio a Roma ha incontrato l’allora presidente del Consiglio incaricato, Mario Draghi, impegnato nelle consultazioni per la formazione del nuovo governo.

«Per uscire dalla crisi – ha osservato Fiaschi – è necessario lavorare alla costruzione di un modello di sviluppo sempre più socialmente sostenibile. Abbiamo il vantaggio di non partire da zero, ma è necessario valorizzare anche ciò che già esiste, ossia la libera iniziativa organizzata dei cittadini, capace di generare un impatto sociale attraverso numerose attività di interesse generale in forma non profit, una realtà che in Italia chiamiamo Terzo settore. Migliaia di associazioni, gruppi di volontariato, cooperative e imprese sociali che oltre a realizzare servizi per il benessere delle persone e delle comunità generano anche buona economia».
«Se oggi l’obiettivo del nostro Paese è la coesione sociale – ha sottolineato la portavoce del Forum – e quindi rafforzare le relazioni sociali e i legami di fiducia, organizzare le aspirazioni di benessere e di sviluppo delle persone, facendo convergere verso tali prospettive l’iniziativa di tutti gli attori della comunità, il Terzo settore è pronto a dare un contributo importante. Questo richiede una grande consapevolezza da parte delle istituzioni, e un forte investimento per consolidare questa grande risorsa del Paese». (Ufficio stampa Forum terzo settore)

QUI NAZIONALE – Congressi regionali conclusi, tra conferme e novità

Tra il 13 e il 14 febbraio sono stati tanti i congressi regionali Uisp che hanno concluso la tornata, aprendo la strada al diciannovesimo congresso nazionale che si terrà dal 12 al 14 marzo.
Oltre al congresso della “nostra” Lombardia (che ha eletto presidente Geraldina Contristano), nel weekend anche Toscana, Emilia Romagna, Umbria, Basilicata, Sardegna e Veneto hanno rinnovato o riconfermato i loro dirigenti.
Sabato 13, Uisp Toscana ha riconfermato Lorenzo Bani: per lui e per il nuovo Consiglio regionale il voto è stato unanime. Sabato è stato il momento anche di Uisp Umbria, che ha eletto alla presidenza Fabrizio Forsoni: già responsabile nazionale Uisp delle Attività Equestri e Cinofile, Forsoni succede a Stefano Rumori, al quale sono andati i ringraziamenti dei delegati partecipanti. Uisp Basilicata ha chiuso il pomeriggio riconfermando Michele Di Gioia.
Domenica 14 febbraio è stato il momento di Uisp Emilia Romagna, svolto totalmente in videoconferenza, che ha eletto Enrico Balestra come successore di Mauro Rozzi. Uisp Sardegna ha riconfermato Mariapina Casula, mentre Uisp Veneto ha nominato Massimo Gasparetto come successore di Claudia Rutka.

EUROPA INCLUSIVA – Progetto Eyess: quando i “Mondiali” fanno scuola

L’evento finale del progetto EYESS-European Youth Engaging in Solidarity and Sport, di cui Uisp è capofila, si terrà venerdì 19 febbraio a partire dalle 10 in modalità on line. Sono previsti gli interventi dei partner di progetto, quattro momenti di confronto sulle prospettive dello sport come strumento di inclusione, e due workshop paralleli, sull’organizzazione di un evento sportivo antirazzista e sull’hate speech.
Il progetto si è impegnato nel combattere il razzismo e incoraggiare l’integrazione sociale attraverso la pratica di discipline sportive: organizzazioni non governative e università di cinque paesi europei studieranno le caratteristiche di un evento come i Mondiali Antirazzisti, per replicarne la formula nei paesi partner. Le buone pratiche raccolte durante i Mondiali Antirazzisti sono la base dalla quale partire per riproporre quel tipo di manifestazione, adattandola alle necessità delle zone in cui verranno messi in scena.
L’evento finale sarà trasmesso in diretta dalla pagina Facebook del progetto Eyess, sono previsti gli interventi di molti esperti italiani e internazionali.

SPECIALE UISP – Tutti gli articoli su VareseNews

di
Pubblicato il 17 Febbraio 2021
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore