Campionato studentesco di debate: i licei Ferraris e Da Vinci guidano la classifica nazionale

Al termine del primo round del girone unico composto da 23 incontri, le squadre dei licei di Varese e di Gallarate sono in testa con 5 incontri vinti su 5 disputati. Il secondo giro di "scontri" si terrà dal 9 all’11 marzo

Entra nel vivo il Campionato Italiano Giovanile Debate. Dal 16 al 19 febbraio si è svolto il primo round del girone unico composto da 23 incontri nei quali si sono sfidate squadre provenienti da Abruzzo, Campania, Emilia Romagna, Lazio, Liguria, Lombardia, Molise, Piemonte, Puglia, Sicilia e Umbria su temi che hanno spaziato dalla riforma dei sistemi di rappresentanza nelle democrazie occidentali alla settimana lavorativa di quattro giorni, dall’istituzione di un’authority per il fact-checking ai modelli di genitorialità, dal paradigma dell’efficientismo a quello della self-partnership come istanza dei movimenti femministi.

Guidano la classifica a squadre con 5 gare su 5 vinte a punteggio pieno di 15 ballot (i ballot sono le preferenze date dai tre giudici) Pandoro, proveniente dal Liceo Scientifico “G. Ferraris” di Varese, e Ulivi1 del Liceo scientifico “G. Ulivi” di Parma, seguite a un’incollatura da Zazie, dei Licei “L. Da Vinci” e “G. Pascoli” di Gallarate (VA) e dai Leoncini dell’Istituto “P. Sette” di Santeramo in Colle (BA), entrambe con 5 vittorie e 13 ballot, e da Galilei Blu del Liceo Scientifico “G. Galilei” di Pescara, con 5 vittorie e 12 ballot.

I debate sono visibili sul sito del Campionato e in sintesi sui social.

Mentre le 46 squadre sono impegnate nella preparazione dei dibattiti impromptu (incontri su mozioni comunicate pochi minuti prima dell’inizio) che caratterizzeranno il secondo round in programma dal 9 all’11 marzo, si allunga la lista dei prestigiosi riconoscimenti istituzionali ottenuti dal Campionato: dopo Il patrocinio della Commissione Europea e il riconoscimento della Rappresentanza Italiana del Parlamento Europeo, l’iniziativa ha ottenuto anche l’Alto Patrocinio del Parlamento Europeo, conferito direttamente dal Presidente David Sassoli, a conferma del valore formativo e sociale che sempre più viene attribuito al Debate e dell’attenzione crescente riservata a questa disciplina.

Ma il sostegno delle maggiori istituzioni europee non sarà puramente formale. Grazie a un accordo tra la Società Nazionale Debate Italia, organizzatrice della competizione, il main partner Coop Lombardia, la Commissione Europea e il Parlamento Europeo, la fase finale del Campionato diventerà una delle principali iniziative di promozione dei valori dell’Unione Europea ai giovani, che culminerà nella finale del 9 maggio, Festa dell’Europa. Nelle prossime comunicazioni i dettagli dell’iniziativa.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 01 Marzo 2021
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore