Docenti e studenti dell’ITS InCom in classe alla scuola Holden di Alessandro Baricco

Saranno tre docenti della scuola di Torino, fondata dallo scrittore, a spiegare tecniche e vantaggi dello storytelling. Il Presidente Benedetto Di Rienzo racconta la sua visione di futuro

its incom

Innovare, guardare al mondo, mettersi dalla parte dei giovani. Fondazione ITS InCom, che opera in provincia di Varese per sviluppare competenze e abilità attraverso percorsi formativi innovativi che offrono immediata occupabilità nel settore strategico dello sviluppo digitale delle imprese e della società, propone tre particolari corsi di formazione che coinvolgono gli studenti ma non solo. «L’offerta nasce dalla volontà di provare a modificare il modo di fare lezione – spiega il Presidente della Fondazione Benedetto Di Rienzo – svecchiare il modello cattedratico, che abbiamo appreso nei nostri anni di formazione, per adeguarci alle attuali generazioni di fruitori. Un’occasione per sprovincializzare la scuola italiana, superando l’approccio accademico, spesso nozionistico o didascalico».

Sull’onda dell’innovazione, che caratterizza la visione della Fondazione ITS di Busto Arsizio, partirà a fine maggio un corso di otto lezioni per 25 docenti, 11 dell’ITS e 14 delle scuole della provincia: «Il nostro obiettivo è di coinvolgere piccoli nuclei di insegnanti degli istituti superiori che sperimentino una modalità differente di insegnare e comprendano l’offerta dei percorsi ITS, costruiti sull’innovazione e sulla didattica laboratoriale. Sosteniamo il cambiamento e invitiamo a valutare opportunità alternative per trasmettere i saperi. Sperimentare, diventare protagonista è l’unico modo per modificare il proprio punto di vista».

Il primo corso dal titolo “Storytelling e comunicazione. Costruire, raccontare e far vivere un universo narrativo” sarà tenuto, da fine maggio, da Francesco Nappi della Scuola Holden di Torino.
Creativo, copywriter e transcreator freelance, ha collaborato, tra gli altri, con Alessandro Baricco che di scuola Holden è il fondatore. Al suo attivo ha numerosi percorsi formativi su storytelling, comunicazione e corporate pitching che hanno visto coinvolte figure quadro e manager di importanti aziende nazionali e multinazionali.

«Lo storytelling è una competenza – spiega il Presidente Di Rienzo – è utile in diverse situazioni: nella didattica ma anche nelle relazioni aziendali, nella presentazione di se stessi o di progetti. È un approccio alla comunicazione più coinvolgente, che attinge a tutti gli strumenti a disposizione, non solo parole ma anche immagini, emozioni, suggestioni».

Saper fare storytelling vuol dire essere capaci di creare e gestire l’universo narrativo in cui quelle storie sono inserite. Non si tratta di tracciare una linea, bensì di delineare e abitare uno spazio in cui tutti gli elementi, materiali e immateriali, trovano un loro posto e una loro coerenza, in una lingua comune per cogliere e mantenere l’attenzione di chi ascolta.

Saranno invece ben due i percorsi di approfondimento che coinvolgeranno gli iscritti ai corsi ITS InCom: “Digital & Transmedia Storytelling”, che può essere definito come un kit di sopravvivenza al mondo della comunicazione digitale, sarà tenuto da Riccardo Milanesi docente e consulente di business e transmedia storytelling alla Holden e Cultore della Materia in Transmedia Studies all’Università La Sapienza di Roma; il secondo è sul “Design delle parole e delle idee”, ovvero sulla capacità delle forme – di segno ma anche verbali – di catturare subito l’attenzione di chi guarda. Il docente, Riccardo Bianchi, designer, fotografo e art director, spiegherà ruolo e regole di utilizzo di parole, grafiche e immagini.

Partner del nuovo progetto formativo è la Fondazione Merlini, socio partecipante dell’ITS InCom, attenta a ogni occasione di formazione in grado di arricchire il bagaglio di docenti e giovani.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 18 Maggio 2021
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore