Varese News

L’inceneritore Accam va avanti. “E a Gallarate sembra non interessare”

L'impianto è "in rosso" da anni, è stato salvato con una nuova società e non si parla più di spegnimento. Officina di Cura Urbana: "Chiediamo all’amministrazione che anche a Gallarate si apra un dibattito pubblico"

accam post incendio

«La vicenda di Accam sembra non riguardare Gallarate. Come se l’inceneritore fosse in Brasile, come se noi non patissimo i cambiamenti climatici, come se anche Gallarate non fosse socia della società e quindi responsabile delle decisioni assunte».

È Officina di Cura Urbana, la lista ambientalista di sinistra, a riproporre un tema poco frequentato nel dibattito gallaratese: il destino dell’inceneritore di Borsano, impianto che serve tutta la zona tra Gallarate, Busto e il Legnanese.

«I forni di Accam dovevano spegnersi entro il 2017. Le motivazioni di allora per lo spegnimento sono le stesse di oggi: l’inceneritore è particolarmente vetusto ed inefficiente, in Lombardia ci sono più inceneritori che rifiuti da incenerire(tanto che la stessa Regione nel 2013 aveva pianificato la chiusura di Accam), si è ormai consolidata la consapevolezza della necessità di proteggere l’ambiente, tanto più in una zona dove i livelli di inquinamento dell’aria superano spesso i limiti massimi stabiliti».

«Al suo posto sarebbe dovuta nascere la fabbrica dei materiali, un’attività di recupero a freddo non inquinante, che avrebbe alzato il livello della differenziata, avrebbe permesso di mantenere i posti di lavoro, avrebbe mantenuto il controllo pubblico in un settore, quello dei rifiuti, spesso al centro di indagini» riepiloga ancora la lista della sinistra ambientalista. «Poi, con l’attuale amministrazione di Gallarate, si è posticipata la chiusura al 2021. Allora, il sindaco Cassani rassicurava che la data era certa, che non era uno stratagemma per tenere in vita un inceneritore. Come volevasi dimostrare».

«Quindi si è di nuovo posticipato al 2027. Ora non si parla più neppure di una data di chiusura. Nel frattempo si è dato vita una New Company che dovrà gestire l’inceneritore. Di pochi giorni fa la notizia che anche CAP Holding ha autorizzato la partecipazione con Amga e Agesp».

L’operazione di new.co., varata per evitare il fallimento di Accam in perdita da anni, è stata portata a termine con non pochi rinvii e polemiche: il sindaco Cassani, all’atto conclusivo, aveva lamentato l’esclusione di Gallarate dalle ultimissime operazioni societarie.

Va detto che la critica di Officina di Cura Urbana non è comunque solo su Gallarate, è rivolta alle intera gestione della partita Accam. Certo, viene richiamata anche la scarsa partecipazione a livello locale: «In coerenza con la passata dirigenza, sostituita a seguito delle indagini della Magistratura “Mensa dei poveri”, si procede senza trasparenza, benché la normativa preveda in caso di nascita di nuova società una consultazione pubblica che permetta di presentare osservazioni. Non possiamo fare finta che quelle decisioni non ci riguardino. Il sindaco non può fare finta che quelle decisioni non lo riguardino e non riguardino i cittadini della propria città. Chiediamo perciò all’amministrazione cittadina che anche a Gallarate si apra un dibattito pubblico, che permetta ai cittadini di conoscere quanto sta avvenendo, di potere prendere visione e analizzare la documentazione ed eventualmente presentare proprie osservazioni».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 27 Maggio 2021
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore