StregaVarese: nell’Italia di oggi l’acqua del lago non è mai dolce, in “L’acqua non è mai dolce” di Giulia Caminito

La storia vera e cruda dell’ultimo romanzo di Giulia Caminito è tra i semifinalisti del Premio Strega

Strega Varese 2021

Il Lago di Bracciano è un antico cratere alle porte di Roma. La sua ferita nella terra con il tempo si è riempita di acqua e le sue rive offrono un panorama bellissimo ma l’odore di alghe limacciose e di sabbia densa riempie l’aria. Un contrasto forte e crudo come la storia potente e arcaica della protagonista dell’ultimo romanzo di Giulia Caminito “L’acqua del Lago non è mai dolce”, semifinalista al Premio Strega 2021 su proposta di Giuseppe Montesano.

Una vicenda avvolgente che comincia come tutte le storie del mondo: dalla donna che ti mette al mondo, dalla madre che si prende cura di te ma che ti insegna anche che la vita è dura e va conquistata. Il romanzo comincia proprio da qui: «Tutte le vite iniziano con una donna e così anche la mia».

Antonia, la madre di Gaia, ha un carattere di ferro, si prende cura dei suoi quattro figli e del marito disabile, affronta la vita a muso duro, senza compromessi e senza fronzoli. È una presenza ingombrante con la quale la protagonista dovrà fare i conti tutta la vita. Gaia infatti imparerà ad osservare, non lamentarsi, andare bene a scuola a leggere libri ma anche a nascondere la sua vita e la sua famiglia, a sentirsi sempre inadeguata a concedersi difficilmente ai sentimenti.

Se con i suoi capelli rossi e le sue lentiggini sembra chinare il capo, quando subisce un torto però reagisce con una violenza inaspettata che prende in contropiede l’altro, che le fa guadagnare il rispetto e l’ammirazione. Un riscatto non voluto e non cercato ma che affascina e coinvolge.

È una storia degli anni Duemila, di come siamo oggi, è una storia ancorata alla realtà dove la vicenda di Gaia può essere come quella di tanti. Il mondo in cui vive la protagonista è lontano dalle battaglie civili e politiche dei decenni precedenti, dagli ideali visionari, è il mondo degli sms, degli oggetti posseduti, di una percezione del futuro priva di grandi speranze e orizzonti.

Il lago riflette le paure, le ingiustizie e le esperienze di una continua e ostinata sfida all’infelicità ma anche il coraggio (scritto in grassetto nel libro) di Gaia, perché “il coraggio ha che fare con il cuore, con quanto cuore metti e quanto lo butti lontano”.

Scheda del libro

Titolo: L’acqua del Lago non è mai dolce

Autrice: Giulia Caminito

Casa editrice: Bompiani

Prezzo di copertina: 18€

di erika@varesenews.it
Pubblicato il 22 Maggio 2021
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore