Varese News

Tensione all’ufficio anagrafe, aggredito un funzionario

Il dipendente è dovuto ricorrere alle cure dei medici del Pronto Soccorso dopo che un utente lo ha colpito con un pugno. L'ufficio anagrafe è da qualche tempo al centro di tensioni

anagrafe ufficio busto arsizio comune documenti

Un dipendente dell’ufficio anagrafe del Comune di Busto Arsizio è stato aggredito da un utente questa mattina, lunedì, poco prima di pranzo. Il funzionario è dovuto ricorrere alle cure dei medici del Pronto Soccorso dopo che era intervenuto per calmare un cittadino che aveva iniziato ad alzare la voce e alterarsi allo sportello, prendendosi un pugno al volto.

L’autore dell’aggressione sarebbe un ragazzo di 28 anni già noto alle Forze dell’Ordine che poi si sarebbe allontanato dalla scena. Sul posto è intervenuta la Polizia Locale. Il personaggio in questione aveva avuto un provvedimento di allontanamento dalla famiglia e doveva risolvere un problema di residenza, relativo proprio all’allontanamento.

Da quanto ricostruito era stato convocato proprio dall’ufficio anagrafe per questo cambio di residenza ma sin da subito si è posto in maniera arrogante e prepotente nei confronti dell’impiegata, poi ha iniziato a picchiare contro i vetri richiamando l’attenzione del superiore che è intervenuto provando a far ragionare l’uomo che non ha voluto sentire ragioni. A quel punto il funzionario ha fatto per andarsene ma è stato aggredito con un pugno dall’utente.

L’episodio riaccende un faro sulla situazione dell’ufficio anagrafe del Comune di Busto Arsizio, al centro delle polemiche a causa dei lunghi tempi di attesa per il rinnovo della carta d’identità.  L’assessore al Personale Gigi Farioli è molto preoccupato per l’aumento di tensione nei confronti dei dipendenti di questi uffici e conferma l’impegno assunto di assumere nuove figure (3 assunzioni operative a breve, ndr) per rinforzare il settore ma pensa anche alla sicurezza dei lavoratori: «Dopo gli attacchi sui social delle settimane scorse ora questo episodio in cui un cittadino è arrivato addirittura alle mani – commenta – . Le due cose non sono direttamente collegate ma non nascondo che si sta pensando ad un rafforzamento della sicurezza a tutela dei dipendenti comunali».

 

di orlando.mastrillo@varesenews.it
Pubblicato il 17 Maggio 2021
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore