La Lombardia sospende precauzionalmente i richiami degli under60 di Astrazeneca

La decisione maturata in attesa di pronunciamenti ufficiali delle autorità del farmaco sulla combinazioni di vaccini diversi

centro vaccinazioni schiranna

Regione Lombardia sospende precauzionalmente i richiami degli under 60 già vaccinati con Astrazeneca. Dopo l’annuncio di ieri del Ministro Speranza su indicazione del CTS, è stato bloccato il richiamo con lo stesso vaccino per le fasce di età più giovani. Ieri si era parlato di un utilizzo di altri farmaci, quelli a RNA messaggero. La decisione, però, non ha avuto, al momento, una posizione ufficiale da parte delle autorità del farmaco competenti, come EMA o AIFA ( il presidente di Aifa Palù è membro del CTS).

Per questo momento, Regione ha chiesto un pronunciamento ufficiale o, in mancanza, un atto legislativo del Ministro che indichi esattamente la tipologia di vaccino da somministrare nei casi in cui Astrazeneca non sia più utilizzabile. Ugualmente, si chiedono chiarimenti anche per l’utilizzo dell’altro vaccino ad adenovirus, il Janssen, che era stato previsto per la fascia 50-59 anni.

Chi si presenta negli hub vaccinali per il richiamo e ha un’età anagrafica al di sotto dei 60 anni si vede rinviare l’appuntamento. Una scelta maturata nella tarda serata di ieri e che ha imposto un atteggiamento cautelativo da parte di Regione.

Regione Lombardia spiega: « In attesa di una nota ufficiale di Ministero della salute e di Aifa, competenti a rilasciare un parere scientifico, e allo scopo di tutelare quanto più possibile la salute dei cittadini e garantire i loro diritti, la Direzione generale Welfare ha deciso di sospendere cautelativamente i richiami eterologhi (quindi con un vaccino diverso) per tutti i cittadini under 60 che hanno ricevuto la prima dose di AstraZeneca. Per chi ha più di 60 anni nulla cambia»

In questi mesi, la Lombardia ha sempre mantenuto un atteggiamento precauzionale nel confronto di Astrazeneca verso la popolazione più giovane, evitando volutamente l’organizzazione di giornate ad accesso libero con vaccini ad adenovirus.

di alessandra.toni@varesenews.it
Pubblicato il 12 Giugno 2021
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore