Varese News

Margherita Silvestrini, sconfitta al primo turno a Gallarate: “La responsabilità è mia”

"Nonostante le ferite delle inchieste giudiziarie questo sindaco ha riottenuto il consenso dei cittadini di Gallarate": il commento della candidata di centrosinistra di Gallarate

Margherita Silvestrini

«Non è andata come speravo e come speravamo. Nonostante l’inadeguatezza e le ferite delle inchieste giudiziarie questo sindaco ha riottenuto il consenso dei cittadini di Gallarate», commenta Margherita Silvestrini, sconfitta alle elezioni di Gallarate al primo turno dal sindaco uscente Andrea Cassani.

Cassani ha vinto con il 52.7% dei voti, l’ufficialità è arrivata alle 2.30 di notte di martedì 5 ottobre. Silvestrini ha preso il 34% dei voti dei cittadini.

«Noi, la coalizione che mi ha sostenuta e la comunità dei volontari e dei sostenitori abbiamo percorso un lungo tratto di strada, entusiasmante e ricco, ma evidentemente non è bastato. Faremo assieme un riesame delle nostre proposte e della nostra campagna elettorale ma gli errori commessi sono solo miei, la responsabilità del risultato è la mia. Ma le nostre proposte per migliorare la città, per renderla più bella e più vivace sono lì, non hanno copyright, disponibili a chiunque abbia intelligenza per capirle e volontà per realizzarle. Nel gioco della democrazia, dai banchi dell’opposizione continueremo ad esercitare il controlli sull’attività del sindaco e degli assessori, lo faremo ancora più determinati, rafforzati dall’entusiasmo delle tante donne e dei tanti uomini che in questi mesi non si sono risparmiati. Noi non ci perderemo di vista, continueremo a lavorare convinti che Gallarate meriti il meglio», ha concluso.

Silvestrini ha ufficialmente riconosciuto la sconfitta ieri sera, lunedì 4 ottobre, alle 19.45, quando ha chiamato Cassani per congratularsi della vittoria, ma il morale basso già dai primi exit poll, quando il centrodestra era in vantaggio.

Il risultato della coalizione

La prima lista della coalizione di centrosinistra è il Partito Democratico, che riconferma i consiglieri uscenti Anna Zambon (la più votata del centrosinistra con 303 voti), Giovanni Pignataro, Carmelo Lauricella e la new entry Luca Carabelli.

La seconda forza della coalizione è la civica Margherita Silvestrini Sindaco con il 7.88%; un risultato amaro, invece, per la storica civica Città è vita che ha catalizzato il 5.32% dei voti. Fanalini di coda del centrosinistra Officina di cura urbana (2.70%) e Gallarate in azione (1.36%).

 

di nicole.erbetti@gmail.com
Pubblicato il 05 Ottobre 2021
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore