Varese News

Per la Casa delle culture Besnate spera nel Pnrr

Dalle scuole, al palazzo comunale e alla Casa delle culture: ecco su cosa punta Besnate per partecipare ai bandi del Pnrr

casa delle culture besnate

Dall’efficientamento energetico alla messa in sicurezza degli edifici pubblici, Besnate spera nei fondi del Pnrr: «Stiamo lavorando per partecipare ai bandi del Pnrr di manutenzione straordinaria e di messa in sicurezza degli edifici pubblici», spiega il sindaco Giovanni Corbo.

I bandi cui parteciperà l’amministrazione scadono martedì 15 febbraio, per cui sono già al lavoro insieme all’ufficio tecnico.

A differenza di Somma Lombardo, i cui progetti sono stati scartati e ha deciso di riprovarci, la cittadina di Besnate sta partecipando per la prima volta, con la consapevolezza che per un piccolo Comune è difficile essere selezionato.

Nel Varesotto solo tre città sono state selezionate per ricevere i fondi del Pnrr: Varese, Samarate e Saronno.Il “caso Pnrr” ruota intorno al fatto che i Comuni del Nord sono stati penalizzati rispetto a quelli del Sud, hanno denunciato Lega e Pd.

La Casa delle culture

Nell’ottica della messa in sicurezza degli edifici pubblica, prioritarie sono la Casa delle culture e il palazzo comunale.

La risistemazione dell’edificio di via Mylius – dove convivono la biblioteca, il museo della Civiltà contadina, la Pro Loco, la sala civica e l’Auser – ha già mosso i primi passi con la presentazione dello studio di fattibilità nell’estate 2020 e l’approvazione del progetto da 1 milione e 715mila euro (a fine 2020).

L’attuale biblioteca verrà divisa in due parti, una per la consultazione e l’altra per i dibattiti e i confronti. Negli spazi interni verrà costruito un auditorium, mentre il restante spazio delle associazioni verrà ristrutturato. Quanto all’esterno, anch’esso sarò riqualificato.

Scuole e area feste

Ma non è finita: «Abbiamo la volontà di partecipare al bando per l’efficientamento energetico della Mutua sanitaria e del palazzo comunale, così come a quello del rinnovamento conservativo delle palestre delle scuole».

Per l’area feste, invece si guarda al bando di Regione Lombardia sulla rigenerazione urbana: il progetto si aggira intono ai 230-250 mila euro, sarà di 330 metri quadri e sorgerà nel polo sportivo.

«L’amministrazione è partita ora con l’ufficio tecnico: stiamo creando una task force per sfruttare questa possibilità, sapendo che per i piccoli comuni è più difficile rispetto alle grandi città».

di nicole.erbetti@gmail.com
Pubblicato il 17 Gennaio 2022
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore