Ryanair torna alla carica: “Togliete la tassa d’imbarco”

Le low cost da tempo contestano la tassa da cinque euro per ogni passeggero in partenza. Ora Ryanair chiede una sospensione fino al 2025, promettendo "investimenti nei prossimi 4 anni di 4 miliardi di dollari"

annuario 2015

Ryanair torna alla carica contro la tassa d’imbarco: la rimozione dell’”addizionale comunale di imbarco” è ormai un cavallo di battaglia delle low cost.

Messe alle strette dalla pandemia e dalla crisi dell’aviazione civile, le low cost cercano di recuperare margini ovunque. E dicono che l’abolizione della tassa (6,5 euro a passeggero in partenza) “gioca un ruolo cruciale nel guidare la ripresa del turismo italiano e garantire all’Italia di rimanere competitiva rispetto agli altri paesi dell’UE, che stanno provando ad attrarre capacità dalle compagnie aeree per favorire il rapido recupero del settore turistico”.

In risposta alla sospensione temporanea dell’addizionale comunale da agosto a dicembre del 2021, “Ryanair ha prontamente risposto con il lancio di 13 nuove rotte e oltre 20 frequenze aggiuntive su 17 rotte esistenti”. A fronte di questo investimento ora chiede al Governo Italiano di eliminare l’addizionale comunale fino al 2025 per tutti gli aeroporti e tutte le compagnie aeree.

Promettendo in cambio “un investimento nei prossimi quattro anni di quattro miliardi di dollari negli aeroporti italiani attraverso 40 nuovi aeromobili basati, oltre 1.500 nuovi posti di lavoro nonchè ulteriori 20 milioni di passeggeri da/per l’Italia all’anno”.

L’addizionale comunale, secondo il nome, dovrebbe andare ai Comuni su cui ricadono gli aeroporti (nel caso di Malpensa, ad esempio, si tratta di Somma Lombardo, Ferno e Lonate Pozzolo), anche se nell’ultimo decennio lo Stato ha trattenuto molto del gettito. I Comuni – rappresentati dall’associazione di categoria Ancai – sono da tempo in lotta con Roma per ottenere i fondi, che dovrebbero servire a compensare l’impatto degli aeroporti sul territorio.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 27 Gennaio 2022
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore