Come soccorrere gli animali feriti: un corso del Parco del Ticino

Capita di tentare il recupero di animali selvatici senza sapere cos’è corretto fare e correndo anche rischi. Ora risponde il percorso organizzato in modalità online dal Parco con Crfs Lipu

Capriolo (foto Riccardo Lattuada da Oggi nel Varesotto)

È tutto pronto per l’incontro in modalità online su primo soccorso della fauna selvatica organizzato dal Parco del Ticino in collaborazione con il Crfs Lipu “La Fagiana”.

Il corso è naturalmente aperto al pubblico e si svolgerà  giovedì 31 marzo dalle ore 10 alle 13, in modalità online sulla piattaforma Google Meet; è stata creata una pagina online per la registrazione accessibile sia con indirizzo sia con codice QR, accessibile a questo link. (foto Riccardo  Lattuada, da Oggi nel Varesotto)

I lavori saranno aperti dai saluti della presidente del Parco, Cristina Chiappa, e dal consigliere Francesca Lara Monno.

«Sono moltissimi i cittadini del Parco del Ticino che da anni dimostrano passione e grande disponibilità verso la fauna selvatica, anche intervenendo in soccorso di animali in difficoltà» dicono la presidente e il consigliere Monno.  «Sono molte le chiamate che i nostri uffici ricevono in cui vengono chiesti consigli e suggerimenti per agire quando cittadini e visitatori del Parco incontrano degli animali».

Molte volte, del resto, capita alle persone di tentare il recupero di animali selvatici senza sapere cos’è corretto fare, cosa è utile sapere e quando è necessario un intervento di soccorso. Non sempre un animale selvatico ha bisogno del nostro aiuto, sebbene in apparenza sembri in difficoltà. A volte è meglio non agire e in alcuni casi è necessaria molta cautela e l’applicazione di metodi adeguati. In questo corso si troverà la risposta a molti dubbi e indicazioni su come intervenire in modo corretto.

Questo momento di confronto e formazione va perciò nell’esatta direzione di rispondere alle molte domande che i cittadini rivolgono ad enti come il Parco, che beneficia da molti anni della presenza di una realtà come il Centro Lipu all’interno della Riserva Fagiana a Pontevecchio di Magenta.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 23 Marzo 2022
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore