Varese e Busto Arsizio, corse in rosa per le donne

Iniziative nelle due principali città della provincia in occasione della Giornata Internazionale della Donna. Con il cuore a Brescia e alla storica Corsa Rosa con 4mila partecipanti

Varese e Busto \"corrono in rosa\" per l\'8 marzo

A Brescia hanno partecipato in 4.000 alla Corsa Rosa, storica manifestazione Uisp che finalmente, dopo due anni di stop imposto dalla pandemia, domenica 6 marzo 2022 è ripartita alla grande. Ma anche la provincia di Varese ha voluto mettere la propria impronta sulla Corsa Rosa, con un ritrovo che ha portato oltre 40 persone a camminare insieme, con la t-shirt della manifestazione, per i boschi che circondano Bustecche, il quartiere che ospita la sede del Comitato Territoriale dello Sport per tutti.

Quattro chilometri di cammino con una pausa dedicata allo stretching e alla ginnastica per un momento che vuole essere di leggerezza e condivisione, ma anche di riflessione sulle conquiste raggiunte dalle donne negli ultimi anni e su quanto ancora resta da fare, soprattutto in termini di lotta alla violenza di genere. Hanno partecipato anche le signore del gruppo della Ginnastica di Mantenimento guidate dalla presidente del Comitato Territoriale Uisp, Rita Di Toro.

«Sono particolarmente orgogliosa del fatto che il nostro Comitato riesca sempre ad organizzare iniziative importanti in occasione della Giornata Internazionale della Donna – ha detto Di Toro – sono tematiche fondamentali per un’associazione come la nostra, che si impegna a tutti i livelli per i diritti delle donne dentro e fuori gli spazi sportivi. Dalle battaglie fatte accanto alle atlete dei livelli più alti per essere considerate professioniste come i colleghi maschi, fino alle pari opportunità di accesso a tutti i tipi di sport per bambini e bambine, Uisp è sempre in prima linea. E quale occasione migliore dell’8 marzo per ribadire il nostro impegno?».

A Busto Arsizio, invece, la manifestazione per l’8 marzo è stata coordinata dal CSK, storica asd Uisp che ha per l’occasione proposto la “cintura rosa”: non prevista dal karate, ma realizzata in occasione della seconda edizione della camminata per le vie di Sacconago organizzata domenica mattina in vista dell’8 marzo. «Un’occasione per trascorrere del tempo insieme con leggerezza ma riflettendo su temi importanti quali le conquiste sociali e la lotta a discriminazioni e violenze di cui sono le donne sono ancora vittime» ha detto Paolo Busacca, dirigente regionale Uisp e “anima” dell’asd bustocca.

Partendo dalla sede del Csk in via Magenta e dalla chiesa vecchia di Sacconago, la camminata si è snodata in piccoli gruppi per le vie del quartiere. All’arrivo, ad attendere i partecipanti c’erano l’eurodeputata Isabella Tovaglieri e l’assessore allo Sport Maurizio Artusa, accanto alla mascotte della Pro Patria, che ha distribuito mimose e gadget, ma soprattutto posato per le fotografie sfoggiando la “cintura rosa” realizzata da CSK, da un’idea della presidente dell’associazione Uisp, Patrizia Taddeo.

di
Pubblicato il 09 Marzo 2022
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore