Varese News

Imbrattata con la svastica “la pietra d’inciampo” di Gallarate

Brutto atto contro il piccolo segno che, su un marciapiede, ricorda Vittorio Arconti, deportato e ucciso dai nazifascisti

Generica 2020

Hanno imbrattato la pietra d’inciampo”. Al 25 aprile di Gallarate gira subito la notizia del brutto atto vandalico che ha colpito il piccolo manufatto che in via Mameli, da due giorni, ricorda l’ultimo domicilio di Vittorio Arconti, ucciso dai nazifascisti in un campo di concentramento.

Michele Mascella, presidente di Anpi, l’ha voluto rendere noto subito dal palco. Di fronte alla denuncia anche il sindaco Andrea Cassani ha detto che “sicuramente faremo in modo di rimuoverle, prendo l’impegno a far sì che queste svastiche e scritte ingiuriose siano cancellate”. 

gallarate generico

La pietra è stata spiegata da una svastica tracciata con uno spray, anche in maniera piuttosto frettolosa. Oltre alla pietra d’inciampo è stata anche tracciata una scritta ingiuriosa contro il 25 aprile in via Pegoraro, strada dedicata a un partigiano. Michele Mascella ha anche  ringraziato per l’impegno a rimuovere “questi danneggiamenti, io dico stupidi, non di più”.

di roberto.morandi@varesenews.it
Pubblicato il 25 Aprile 2022
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore