Ad Arsago Seprio tornano i festeggiamenti per il patronio

Oltre ai riti della tradizione, sarà inaugurata una mostra del pittore Giovanni Beluffi nel battistero visitabile fino al 15 maggio

Si rinnova, dopo due anni di festeggiamenti a metà, il tradizionale appuntamento della festa patronale ad Arsago Seprio. San Vittore, santo milanesissimo perché molto caro ad Ambrogio che ne diffuse il culto in tutta la Diocesi, è testimonianza di ambrosianità e di antichità, come è lo splendido complesso monumentale di Arsago, con le sue millenarie pietre che raccontano una storia di fede, di comunità, di cultura.

Durante la celebrazione solenne della Santa Messa, presieduta dal Prevosto don Giuseppe Bai, si terrà il rito del faro, durante il quale un globo di bambagia appeso sull’altare viene bruciato: è una tradizione tipica delle chiese ambrosiane dedicate ai martiri. Così come questi uomini si sono consumati fino al sacrificio della propria vita per la fede, così si consuma il batuffolo di cotone, illuminando tutt’intorno. Seguirà la tradizionale offerta della cera da parte dell’Amministrazione Comunale e il discorso alla città.

Come da qualche anno accade (pandemia esclusa) si è voluto accompagnare questa sentita festa con un appuntamento culturale. Nella splendida cornice del Battistero è stata allestita una mostra del pittore Giovanni Beluffi, tra i più riconosciuti artisti del nostro territorio, che si è confrontato con la tematica del sacro attraverso 20 tavole che raccontano la vita di Gesù. I chiaro-scuri del monumento amplificano l’effetto di pathos ed entrano in dialogo perfettamente con le opere in un’atmosfera rarefatta ed eterna.

La mostra resterà aperta fino a domenica 15 maggio con i seguenti orari: lunedì, giovedì, sabato e domenica 10.00 – 12.00 e 15.30 – 18.00

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 06 Maggio 2022
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore