A Varese, Castelseprio e Fagnano i fondi del PNRR per costruire nuove mense scolastiche

Oltre un milione e 360.000 euro arriveranno dal Ministero con i fondi del PNRR per realizzare spazi nuovi in vista del potenziamento del tempo pieno. Ammessi con riserva i progetti di Lavena, Porto Ceresio, Castronno, Arsago, Somma, Cavaria e Caronno Pertusella

mensa scolastica

Sono soltanto tre i progetti per la ristrutturazione o la costruzione delle mense scolastiche in provincia di Varese. Il Ministero dell’Istruzione ha approvato le graduatorie nell’ambito del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza. Alla chiusura dei termini, lo scorso 28 febbraio, sono pervenute 1.088 candidature, per un totale di richieste di finanziamento pari a 581.398.294,06 euro.

A seguito dell’istruttoria, per la verifica del possesso dei requisiti minimi, le candidature risultate ammissibili sono 600. Per raggiungere l’obiettivo europeo di 1.000 mense finanziate, sono stati stanziati ulteriori 200 milioni, incrementando così lo stanziamento iniziale di 400 milioni, e sarà riaperto l’avviso pubblico per acquisire ulteriori candidature da parte dei comuni. 

I PROGETTI AMMESSI

Nel Varesotto arriveranno 345.000 euro per la mensa alla primaria San Giovanni Bosco di Varese, 195.000 euro alla primaria Marconi di Castelseprio e 826.000 euro alla Rodari di Fagnano Olona. 

I PROGETTI AMMESSI CON RISERVA

L’elenco dei progetti ammessi con fondi PNRR ne prevede anche altri ma “ammessi con riserva” tra cui quello per la realizzazione di una nuova area dedicata alla mensa nella primaria di Castronno con un progetto da 940.000 euro, il progetto di realizzazione di una mensa alla Milite Ignoto di Somma Lombardo per un costo di 440.000 euro, quello da 370.000 euro di ampliamento per un nuovo spazio refettorio alla primaria Manzoni di Lavena Ponte Tresa, l’ampliamento della sala mensa presso l’istituto Fermi di Cavaria per  241.000 euro. Questi rientravano anche in un delibera di giunta di Regione Lombardia sul fabbisogno per l’edilizia scolastica tra le proposte ammesse. 

Nell’elenco del Ministero, tra gli interventi ammessi ma con riserva, ci sono anche quelli presentati da Porto Ceresio per l’ampliamento dell’area mensa per un intervento del valore di 280.000 euro, il progetto da 430.000 euro di Arsago Seprio e la richiesta da 568.000 euro del Comune di Caronno Pertusella. 

«L’incremento delle mense è uno strumento fondamentale per una maggiore diffusione del tempo pieno su tutto il territorio nazionale – ha dichiarato il Ministro dell’Istruzione Patrizio Bianchi – Offrire più tempo pieno significa innanzitutto potenziare l’offerta formativa per i nostri ragazzi, dare loro più scuola. Significa anche potenziare gli strumenti a sostegno delle famiglie. Con questo stanziamento faremo i primi 600 interventi. Mettiamo poi subito altri 200 milioni per arrivare al target europeo di 1.000 interventi».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 15 Giugno 2022
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore