Varese News

Anche a Besnate l’ordinanza per limitare l’uso di acqua

L'ordinanza è volta a limitare gli sprechi di acqua. Il mancato rispetto sarà sanzionato con l’applicazione di una sanzione pecuniaria da 25 a 500 euro

municipio besnate

La siccità non abbandona il Varesotto e anche Besnate, dopo Malnate e altri comuni, ricorre all’ordinanza per limitare gli sprechi di acqua: a partire da mercoledì 22 giugno, la comunità, su tutto il territorio comunale, “deve attivare la limitazione del consumo di acqua potabile ai soli usi domestici, igienico sanitari, antincendio e produttivo”.

In particolare, nell’ordinanza si legge che è vietata l’utilizzazione dell’acqua potabile dell’acquedotto comunale per il riempimento di piscine private, l’innaffiamento di orti e giardini, il lavaggio di autovetture private, il riempimento di vasche di accumulo non strettamente legate ai fini produttivi, le esercitazioni antincendio e prove di impianti antincendio con utilizzo di acqua potabile “qualora non strettamente necessari ad affrontare una potenziale emergenza”.

Consigli anti-spreco

Inoltre, il sindaco Giovanni Corbo invita tutti i cittadini ad adottare ogni utile accorgimento finalizzato al risparmio di acqua, tra cui: riparare prontamente perdite, “anche minime, da rubinetti, sciacquoni”; montare nei rubinetti gli appositi frangi-getto, che mediante miscelazione di aria e acqua possono consentire un risparmio idrico fino al 50%; utilizzare acqua corrente solo per il risciacquo di piatti e verdure; preferire la doccia al bagno, che “consente un risparmio d’acqua fino al 75%, se si ha l’accortezza di chiudere l’acqua mentre ci si insapona”; controllare il corretto funzionamento dei propri impianti idrici ed irrigui al fine di individuare eventuali perdite occulte e riparare quelle già note e manifeste; usare lavatrici e lavastoviglie a pieno carico; chiudere il rubinetto dell’acqua durante le operazioni di insaponamento, di utilizzo dello spazzolino e durante la rasatura; utilizzare l’acqua di lavaggio della frutta e della verdura per innaffiare piante; adottare tutte le misure possibili per limitare il consumo di acqua.

Il personale dell’ufficio di Polizia Locale e gli altri agenti vigileranno sull’osservanza delle nuove regole. Il mancato rispetto sarà sanzionato con l’applicazione di una sanzione pecuniaria da 25 a 500 euro.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 24 Giugno 2022
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore