Kay La ha consegnato dieci buoni acquisto per materiale scolastico alle De Amicis di Busto Arsizio

L'associazione ha raccolto il bisogno espresso da alcune famiglie di ricevere un aiuto per l’acquisto di libri e manuali

Generico 06 Jun 2022

Martedì 7 giugno presso la scuola secondaria di primo grado De Amicis di Busto Arsizio sono stati consegnati dieci buoni acquisto per materiale scolastico offerti dall’organizzazione di volontariato Kay La quali contributi per il sostegno allo studio.

La consegna è avvenuta alla presenza dei rappresentanti dell’associazione Maurizio Ferrario e Mariangela Orlando, del vicario del dirigente prof.ssa Sonia Farè e dei rappresentanti del Comitato Genitori Claudio Bagnati e Salvatore Piscitello, oltre che dei rappresentanti degli studenti. Si è concretizzato così un progetto nato dal bisogno espresso da alcune famiglie di ricevere un aiuto per l’acquisto di libri e manuali, raccolto dai docenti e sostenuto dall’associazione che ha sede a Lonate Pozzolo.

Durante la cerimonia di consegna il presidente Maurizio Ferrario ha spiegato agli alunni presenti: «La nostra associazione è fatta da persone che hanno il desiderio di portare aiuto a coloro che hanno bisogno poiché vivono in condizioni di difficoltà economica, e questo progetto è assolutamente in linea con lo scopo della nostra organizzazione».

Anche il nome Kay La, che in creolo haitiano significa “la casa”, ricorda la sua origine, 15 anni fa, per sostenere un programma per bambini malnutriti ad Haiti promosso da una missionaria di Busto Arsizio, suor Marcella Catozza. Negli anni Kay La ha messo a fuoco altri bisogni e si è dedicata a nuovi progetti, sempre mantenendo vivo il desiderio di aiutare chi si trova in difficoltà: attualmente segue quattro sostegni a missioni estere, nei continenti sudamericano e africano, oltre al progetto “Pane per i poveri” rivolto all’Italia. Ferrario ha sottolineato l’importanza che «i ragazzi comprendano che anche nel nostro Paese, nella nostra città, si vive l’esperienza della povertà e tante famiglie chiedono aiuto».

L’associazione da diversi anni collabora con la scuola e con il Comitato genitori attraverso interventi occasionali per specifici bisogni. Con il gesto della donazione dei buoni acquisto è iniziato un vero e proprio progetto di sostegno al diritto allo studio rivolto a dieci famiglie, nato anche grazie ad una convenzione con la libreria Libraccio di Busto Arsizio che ha finanziato parte del progetto stesso.

Ferrario conclude: «Siamo contenti di queste collaborazioni: come associazione noi abbiamo avuto l’opportunità di donare le borse di studio, ci sono poi genitori e insegnanti che permettono di concretizzare l’aiuto perché arrivi a chi ne ha realmente bisogno».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 12 Giugno 2022
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore