L’International Skating guarda al futuro e alle Next Gen con ottimismo

Il futuro è stato il tema dello spettacolo di fine anno degli allievi della scuola bustocca di pattinaggio su rotelle, gestita da Marco Frattolillo

international skating

Sabato 11 giugno, dopo due anni di purgatorio, finalmente spalti gremiti per assistere al Gran Galà dell’International Skating che ha messo in scena un evento entusiasmante sotto ogni punto di vista. C’era molta attesa per questo saggio che segnava il ritorno alla normalità e che ha dato lustro all’estate sportiva bustese senza dimenticare il patrocinio del Comune di Busto Arsizio.

Presenti all’evento il presidente Commissione Sport Orazio Tallarida, l’assessore al Bilancio e allo Sport Maurizio Artusa, il presidente del Consiglio Comunale Laura Rogora e il consigliere comunale Alessandro Albani.

Considerato che il presente, tra pandemia e guerra, non fa ben sperare l’International Skating ha pensato bene di guardare al futuro e proprio a Marco Frattolillo, presidente e direttore tecnico della società, abbiamo chiesto di spiegarci la visione e il messaggio di questo saggio: «In ogni situazione si possono sempre scovare grandi opportunità. La rivoluzione tecnologica in atto è proprio una di queste e se le nuove generazioni (Next Generation) sapranno metterla al servizio dei valori positivi più profondi potremo sperare in un mondo migliore».[lefoto id=1312548

Tema difficile ma che non ha spaventato gli artefici del Gran Galà “Next Generation” tra cui elenchiamo ovviamente il coreografo Marco Frattolillo, le allenatrici Sara Busti, Giulia Menni e Sofia Frattolillo ma anche molti genitori che hanno partecipato alla buona riuscita dello spettacolo con idee e scenografie e i costumi sono stati ideati e sviluppati da Laura Nadin, Buia Francesca e Patrizia Lualdi.

Il saggio è stato un susseguirsi di musiche classiche e futuristiche, di elementi tenui e forti, di momenti melodici e fortemente ritmati che hanno ben espresso questo connubio tra la parte sentimentale e passionale e quella fredda e razionale insito nel genere umano.

Sotto effetti di luci e fumo spettacolari gli atleti hanno dato prova di grande bravura eseguendo volteggi e figure sia singolarmente che in gruppo che hanno entusiasmato il pubblico. Tra questi non possiamo non menzionare Lorenzo Battioli, atleta di altissimo livello tecnico che a breve parteciperà ai campionati italiani della massima categoria e David Frattolillo, vicecampione italiano 2022 della categoria allievi B, specialità obbligatori.

L’International Skating quasi in ogni spettacolo ha saputo portare delle innovazioni, come ad esempio accostare alle esibizioni sui pattini anche delle parti teatrali, oppure dei video proiettati sulla superficie del Palazzetto. Questa volta abbiamo visto addirittura l’entrata in scena di un drone che ha sorvolato la pista e il pubblico accentuando quel senso di futuro di cui era pervaso l’intero spettacolo.

Dopo due anni, il presidente sottolinea come tale evento «sia stato motivo di orgoglio a chiusura di una stagione ancora ricca di soddisfazioni sportive e con la presenza sempre più numerosa e appassionata, ai corsi annuali d’avviamento al pattinaggio. L’International Skating ha ormai un grande passato e un vincente presente, ma è sicura che avrà un entusiasmante futuro, anzi…il futuro è già qui».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 13 Giugno 2022
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore