Le minoranze su Palazzo Minoletti di Gallarate: “Nessun confronto con l’amministrazione”

Documento firmato da tutti i gruppi di opposizione, tranne Più Gallarate che ha stilato un documento in autonomia

 Palazzo Minoletti

Pd, lista Silvestrini Bisacci, Città è Vita, e Obiettivo Comune Gallarate si uniscono compatti per esprimere un’opinione sulla questione del recupero di Palazzo Minoletti.

Più Gallarate oggi aveva lamentato la mancanza di un confronto sul progetto; gli altri consiglieri di minoranza compatti chiedono un maggiori coinvolgimento: “I seguenti consiglieri comunali di minoranza prendono atto del progetto di eventuale recupero di Palazzo Minoletti e, in attesa di poterne conoscere i contenuti, segnalano l’assoluta carenza di rispetto istituzionale dell’iter intrapreso – spiegano i firmatari dell’intervento: Margherita Silvestrini, Anna Zambon, Carmelo Lauricella, Giovanni Pignataro, Luca Carabelli, Michele Bisaccia, Cesare Coppe, Massimo Gnocchi -.  Di tale progetto che, leggendo le cronache giornalistiche, potrebbe richiedere un consistente esborso finanziario al Comune che poi va ricordato non ne disporrà direttamente, i consiglieri comunali di minoranza hanno infatti saputo solo attraverso i report di stampa.

Un fatto questo che è assolutamente non tollerabile soprattutto alla luce di chi invoca collaborazione su altri temi come avvenuto nel recente passato. Questo, sia inteso, esulando dal merito dato che recuperare a vita il palazzo è questione importante visto che fu improvvidamente acquistato dalla giunta Mucci ed ancora deve trovare un suo utilizzo. Naturalmente la maggioranza è libera di fare come crede, ma le regole del confronto impongono il rispetto della necessaria informazione. Facciamo a tale proposito presente che la commissione attività produttive competente in argomento in quanto il parziale finanziamento regionale richiesto rientra nella sue competenze, non solo non è stata convocata per anticiparlo o almeno girarlo ai consiglieri di minoranza ma ad oggi, dall’insediamento del consiglio comunale, si è riunita una sola volta per la nomina di presidente e vicepresidente. Evidentemente assessorato competente e presidenza della stessa, ignorando le basilari regole di corretto funzionamento istituzionale, ritengono la stessa una inutile perdita di tempo benchè prevista dal regolamento. Ne prendiamo atto a futura memoria”.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 30 Luglio 2022
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore