Minacce agli amministratori nella zona di Malpensa, 50mila euro di risarcimento ai Comuni

Per la prima volta il Ministero dell'Interno ha distribuito Fondo per legalità, legato alle intimidazioni agli amministratori. I maggiori contributi a Samarate e Lonate Pozzolo

Lonate Pozzolo generica

Arrivano più soldi per tre Comuni nella zona di Malpensa. Ma il motivo non è un bel segnale: si tratta infatti di contributi legati al “Fondo per legalità e tutela degli amministratori locali vittime di atti intimidatori”: i soldi sono l’altra faccia della medaglia di reiterati episodi di minacce agli amministratori comunali.

Il contributo più consistente è quello incassato da Lonate Pozzolo, paese dove la presenza della ndrangheta è radicata e che anche in anni recenti ha visto episodi di lettere anonime e di minacce agli amministratori: il Comune di Lonate riceve infatti 32.237 euro, a fronte di sette episodi segnalati (tra cui ci fu anche una lettera anonima di minacce alla sindaca Nadia Rosa, nell’autunno del 2020, portata a conoscenza anche della Direzione Distrettuale Antimafia).

Ma Lonate non è appunto l’unico Comune della zona di Malpensa che vede riconosciuto il contesto difficile: ancheSamarate riceve 16.065 euro (nella cittadina avevano fatto notizie le minacce all’assessore ai servizi sociali). Infine una somma molto minore, 574 euro, viene riconosciuta al piccolo Comune di Vizzola Ticino.

Il “Fondo per legalità e tutela degli amministratori locali vittime di atti intimidatori” è stato istituito con la Legge Finanziaria per il 2022. I risarcimenti – va precisato – non sono agli amministratori comunali, ma ai Comuni: è una forma di risarcimento alla comunità per la situazione che si viene a creare a danno di tutti i cittadini. A Lonate Pozzolo «l’Amministrazione Comunale è già al lavoro con i funzionari degli Uffici per pianificare nel migliore dei modi le prossime iniziative di rafforzamento della cultura della legalità sul territorio e di sensibilizzazione sul tema, su cui va sempre tenuta alta l’attenzione» spiega una nota dal municipio».

La ripartizione è stata definita con Decreto del 7 luglio 2022 il Ministero dell’Interno, di concerto con il Ministero dell’Istruzione e il Ministero dell’Economia e delle Finanze. Come detto il Fondo ha la finalità di sostenere i Comuni coinvolti e consentire loro l’adozione di iniziative di contrasto all’illegalità. Il contributo è ripartito ai Comuni in proporzione alle dimensioni demografiche e in base ai dati risultanti dal monitoraggio degli episodi intimidatori effettuato dell’Osservatorio Nazionale. Tale organismo dal 2015 è attivo per avere una mappatura degli episodi a livello nazionale e predisporre specifiche iniziative di prevenzione e contrasto al fenomeno.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 25 Luglio 2022
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore