“Sul masterplan Malpensa la Regione ascolti il Parco del Ticino”

I consiglieri del Movimento 5 Stelle Rosa e Cenci hanno presentato una mozione per impegnare la Regione a fare un passo indietro. "Mettiamoci al riparo da possibili infrazioni europee"

Roberto Cenci

«Fermiamo l’accordo sul Masterplan e valutiamo l’alternativa proposta dal Parco del Ticino». È la proposta – o meglio: la presa di posizione avanzata – che viene dal Movimento Cinque Stelle Lombardia, con una mozione, a prima firma Roberto Cenci, per chiedere la revisione del masterplan “Malpensa 2035” e istituzione di un SIC/ZPS (Sito di Importanza Comunitaria – e come ZPS – Zona di Protezione Speciale) nell’area della brughiera del Gaggio.

«Lo scopo di questa mozione è far sì che tutte le forze politiche che hanno a cuore la voce dei territori, abbiano modo di esprimersi e di conseguenza compattarsi a tutela degli interessi del territorio stesso» dice il capogruppo Massimo De Rosa. «Sappiamo dell’esistenza di progetti alternativi all’attuale, che comporterebbe un rilevante consumo di suolo e l’abbattimento di parte della brughiera. Proposte alternative peraltro presentate da un ente terzo, quale il Parco del Ticino».

La mozione, nello specifico, chiede infatti di “sospendere il protocollo di intesa, relativo al masterplan 2035 dell’Aeroporto della Malpensa” firmato lo scorso 6 giugno da Regione Lombardia, ENAC, SEA, CUV e Provincia di Varese, di “valutare, oltre al danno ambientale, anche il probabile danno economico, derivante dalle sanzioni di una possibile procedura di infrazione comunitaria” e appunto anche di “rivalutare la fattibilità delle due soluzioni proposte dal Parco del Ticino e interamente ricomprese entro l’attuale perimetro del sedime aeroportuale”;

Rosa sottolinea che Regione Lombardia non ha «nemmeno voluto ascoltare» le proposte già fatte, «al punto che lo stesso ente Parco, di fronte all’impossibilità di intavolare un dialogo costruttivo, ha preferito abbandonare il tavolo di discussione tra gli enti coinvolti dal progetto. Di conseguenza il protocollo relativo al “Masterplan 2035” non è stato sottoscritto né dal Parco del Ticino quindi, né da alcuni dei Comuni coinvolti»

Prosegue Roberto Cenci: «Per questo motivo, al fine di salvaguardare la brughiera di Malpensa e Lonate, con le specie animali che la abitano come le due specie di farfalle che verrebbero altrimenti condannate all’estinzione, chiediamo a Regione Lombardia di sospendere il protocollo d’intesa relativo al “Masterplan 2035 dell’Aeroporto della Malpensa” e rivalutare la fattibilità delle soluzioni alternative proposte dal Parco del Ticino. Ciò permetterebbe non solo di tutelare il patrimonio naturale rappresentato dalla brughiera, ma anche di mettersi al riparo da una possibile procedura di infrazione europea. Contestualmente chiediamo a Regione Lombardia di inoltrare, presso il ministro competente la richiesta per trasformare l’area a Sud dell’aeroporto Malpensa, la “Brughiera del Gaggio” in un Sito di Importanza Comunitaria e Zona di Protezione Speciale», spiegano i consiglieri regionali del Movimento Cinque Stelle.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 08 Luglio 2022
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore