Varese News

Il Comitato Salute denuncia troppa fretta sull’ospedale unico (e documenti in ritardo)

Il Comitato diritto alla Salute del Varesotto ha contestato il materiale incompleto. Protesta accolta sì dall'Asst, ma solo due giorni prima della scadenza del periodo valido per presentare osservazioni

metaprogetto nuovo ospedale unico busto arsizio gallarate

Riceviamo e pubblichiamo il comunicato del Comitato per il diritto alla salute del Varesotto, sulla proccedura di Vas – Valutazione Ambientale Strategica per il futuro ospedale unico Gallarate-Busto, la cui costruzione è prevista a Beata Giuliana, tra le due città (nella foto: il render presentato dal promotore dell’intervento)

 

In data 18 agosto 2022 il Comitato per il diritto alla salute del Varesotto ha inviato una PEC al Presidente della Regione, alle autorità procedente e competente e a tutti i soggetti coinvolti nell’Accordo di programma per la realizzazione del “nuovo ospedale unico” Gallarate-Busto Arsizio.

In tale PEC il comitato ha innanzitutto sollevato fondati dubbi sulla coerenza del procedimento di VAS sin qui condotto. Risulta infatti che l’autorità politica (giunta regionale) abbia assunto delle decisioni sull’iter da seguire (VAS o verifica di assoggettabilità alla VAS) che spettavano all’autorità tecnica (autorità procedente), e che quest’ultima avrebbe dovuto rendere note pubblicando su sivas (sito dedicato alla VAS) l’avviso di avvio del procedimento.

Il comitato teme che questa impostazione sia stata dettata dalla volontà di arrivare il più presto possibile alla conclusione del procedimento di VAS, purtroppo spesso inteso non come un modo per orientare le decisioni verso la sostenibilità ambientale, ma come un adempimento burocratico attraverso il quale avallare decisioni già prese, ornandole con qualche misura di mitigazione degli impatti.

Perciò il comitato ha chiesto, a Regione Lombardia e a tutte le autorità coinvolte, di verificare se il procedimento di VAS avviato risulti correttamente impostato e, in caso contrario, di azzerarlo e riavviarlo in coerenza con il quadro normativo vigente.

Relativamente alla fase di consultazione preliminare del procedimento di VAS, il comitato ha segnalato l’incompletezza della documentazione pubblicata su sivas in data 27/07/2022, sulla quale chiunque poteva inviare osservazioni e proposte entro il 25/08/2022.

Infatti nel “Documento di Scoping” relativo alla VAS si fa riferimento a due documenti (Documento Preliminare alla Progettazione (DPP) sviluppato da ASST Valle Olona nel Luglio 2021 e Relazione tecnica del Masterplan Metaprogettuale del maggio 2022) fondamentali per comprendere la proposta di ospedale unico e impostarne la valutazione ambientale.

Tali documenti non risultavano però pubblicati né in sivas né nei siti istituzionali dei soggetti interessati al perfezionamento dell’Accordo di Programma.

Perciò il comitato ha chiesto di ripetere la fase di consultazione, pubblicando i documenti mancanti e ridefinendo i termini per la presentazione di osservazioni e proposte (30 giorni dalla data di pubblicazione del nuovo avviso di messa a disposizione).

Il 23 agosto, dopo aver ricevuto la nostra PEC del 18 agosto 2002, ASST Valle Olona ha inviato quei documenti al Comitato, e successivamente li ha pubblicati su una pagina (non raggiungibile dal sito di ASST ma solo mediante motori di ricerca), uno o al massimo due giorni prima della scadenza per le osservazioni.

Ciò rafforza la nostra richiesta: ASST Valle Olona ha evidentemente condiviso la necessità di rendere pubblici quei documenti, ma avendolo fatto solo due giorni prima della scadenza, serve ridare il giusto tempo ai cittadini e alle realtà sociali interessate di poterli leggere. Correggendo se dovuto, anche l’iter procedurale.

di roberto.morandi@varesenews.it
Pubblicato il 26 Agosto 2022
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore